Biblioteca “G. Badii” di Massa Marittima, 150 anni di storia all’insegna della...

Biblioteca “G. Badii” di Massa Marittima, 150 anni di storia all’insegna della cultura

93
0
CONDIVIDI

È una lunga e articolata storia quella della Biblioteca comunale di Massa Marittima, intitolata allo storico Gaetano Badii nato proprio a Massa, istituita nel 1867 grazie alla figura del professore Stefano Galli di Modigliana che in quell’anno insieme agli insegnanti della scuola comunale, fece nascere il primo nucleo della nascente istituzione nel Convento delle Clarisse, dove attualmente (dopo aver occupato anche altre sedi) si trova

****

DI SANDRA POLI

Con la pubblicazione, avvenuta nel 2018, del libro “La Biblioteca Comunale “Gaetano Badii: una istituzione cittadina fra volontariato e politica culturale – Centocinquanta anni di storia (1867-2017)” a cura di Gianpiero Caglianone, che ha curato la parte storica, con un capitolo di Roberta Pieraccioli, attuale direttrice, che si è occupata degli ultimi 25 anni, si sono conclusi i festeggiamenti del 150° anniversario della Biblioteca. Un secolo e mezzo in cui questa istituzione è stata il centro di iniziative culturali, non solo un luogo di conservazione di libri, atte a formare cittadini consapevoli.

La storia

Nel 1867, a pochi anni dall’Unità d’Italia, vi era l’esigenza diffusa di creare uno stato unitario anche da un punto di vista culturale: era alto l’indice di analfabetismo, mancava una lingua unitaria e in tante zone dell’Italia si parlava solo il dialetto locale. Era necessario, pertanto, creare una cultura identitaria…

Se vuoi leggere l’articolo completo pubblicato sul numero di marzo 2019 di Maremma Magazine, troverai una sintesi della Storia della Biblioteca e molto altro alle pagine 44-47. Acquista la tua copia cartacea in edicola oppure la versione digitale, on line! Clicca qui

La Biblioteca oggi

Con il tempo le biblioteche si sono evolute verso una sempre maggiore professionalità degli operatori e una sempre maggior centralità dell’utente rispetto al libro, una vera a propria rivoluzione copernicana che ha messo il pubblico al centro degli interessi e degli obiettivi. Le novità degli ultimi venti/venticinque anni sono state moltissime nel mondo delle Biblioteche, e la Biblioteca di Massa Marittima non è rimasta fuori dal processo evolutivo che ha portato ad un notevole salto di qualità nei servizi offerti.

Il primo passo si è avuto nel 1993 quando l’Amministrazione comunale ha stabilito di passare da una gestione della Biblioteca basata sul volontariato all’affidamento a professionisti; il primo direttore è stato Maurizio Vivarelli (1993/1998), seguito nel 2000 da Roberta Pieraccioli, ancora oggi direttore a Massa Marittima.

Ma oltre a questo, sono cambiati e migliorati i servizi. Da un catalogo cartaceo consultabile solo in sede siamo passati ad un catalogo informatico on line, consultabile da qualunque parte del mondo, importante anche per far conoscere le collezioni storiche delle singole biblioteche, che possono attrarre l’attenzione degli studiosi…

Dal 2008, anno del trasferimento, ad oggi grazie ai nuovi servizi, alle nuove attività e ai nuovi spazi, la Biblioteca Gaetano Badii ha praticamente raddoppiato il proprio pubblico passando da poco meno di 5.000 presenze alla fine del 2007 a oltre 12.000 del 2018. Molti sono i giovani che l’hanno appunto scelta come luogo di aggregazione e che passano i pomeriggi in Biblioteca a studiare con i propri amici e compagni di scuola nell’ampio e luminoso loggiato.

Chi fosse interessato ad acquistare il libro sulla storia della Biblioteca Comunale di Massa Marittima può rivolgersi a questi riferimenti: tel. 0566 906291 – 906292 – 906293;
e-mail: r.pieraccioli@comune.massamarittima.gr.it, g.santinucci@comune.massamarittima.gr.it.