Ad Abbadia San Salvatore il Natale è sinonimo di Fiaccole, una tradizione...

Ad Abbadia San Salvatore il Natale è sinonimo di Fiaccole, una tradizione antica

106
0
CONDIVIDI

Un rito ancestrale ricco di magia che si celebra ogni anno la notte di Natale ad Abbadia San Salvatore sul versante senese del Monte Amiata. Parliamo dell’antichissima tradizione popolare delle “Fiaccole”, la cui costruzione inizia già nei primi giorni di dicembre per culminare con l’accensione la sera del 24

****

Ad Abbadia San Salvatore (Monte Amiata – Siena) il Natale profuma ancora di tradizione, di magia, di riti ancestrali grazie alle Fiaccole, una delle più antiche feste del fuoco italiane che nasce da una singolare tradizione millenaria intimamente sentita e molto partecipata che la città del Monte Amiata rinnova ogni 24 dicembre.
Un appuntamento che viene preparato già dall’autunno quando i “fiaccolai” iniziano a cercare la materia con cui costruire le “fiaccole”, tipiche cataste di legna a forma piramidale alte fino a sette metri che, costruite in ogni angolo del piccolo borgo medioevale, si levano al cielo in attesa della vigilia quando poi verranno incendiate. Una lavorazione impegnativa che coinvolge tutta la comunità impegnandola nella realizzazione di questi monumenti rurali unici. Si intrecciano tronchi sfidando la gravità grazie a tecniche segrete che qui si tramandano di generazione in generazione, per celebrare un rito del fuoco che coinvolge tutti, sposando simbolici significati pagani e religiosi.
Sono “figli del fuoco” infatti gli abitanti dell’Amiata, una montagna vulcanica che nelle sue viscere nascondeva lava incandescente, una terra che da sempre offre cibo e benessere per la collettività. Si estraeva cinabro da cui si ricavava mercurio nella grande miniera che oggi è diventata Museo…

Se vuoi leggere l’articolo completo, lo trovi pubblicato sul numero di dicembre 2021 di Maremma Magazine (alle pagine 25-26), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI