Capalbio, il fascino del borgo medievale alle porte della Maremma

Capalbio, il fascino del borgo medievale alle porte della Maremma

117
0
CONDIVIDI

Borgo ricco di storia, cultura e bellezza, Capalbio con la sua maestosa torre saluta dall’alto il visitatore che arriva o che lascia la Maremma Toscana. Con le tavole di Massimo Tosi scopriamo gli angoli più affascinanti di questa bella località, soprannominata “La piccola Atene” per il suo grande fervore culturale

****

TESTO DI ELISABETTA RUSSO – TAVOLE DI MASSIMO TOSI

Capalbio è il primo borgo medievale che si incontra entrando dal sud in Maremma Toscana. Non lontano dal mare, domina dall’alto di una collina la campagna circostante, in una posizione invidiabile e di grande importanza strategica in passato per il controllo e la difesa del territorio.
Un borgo ricco di storia, dal periodo etrusco a quello romano fino al medioevo con il caratteristico impianto che racchiude con una doppia cinta muraria il tipico dedalo di stradine. Soprannominato “La piccola Atene” per il suo grande fervore culturale rinato nei tempi più recenti che hanno visto Capalbio ospitare regolarmente eventi culturali di grande rilievo e diventare luogo di vacanza preferito da molte personalità dal mondo della politica, dell’arte, della cultura.
Entrando in Maremma non si può non far visita a Capalbio: la storia che si respira, la bellezza del borgo antico, della campagna lussureggiante, della vicina oasi naturale di Burano e del mare cristallino, premiato più volte con “Cinque Vele” e al primo posto nella Guida Blu di Legambiente, insieme alla bontà dell’offerta ricettiva ed enogastronomica, ne fanno una meta imperdibile.
Da non perdere una visita al non lontano “Giardino dei Tarocchi”, un gioiello d’arte unico, ad opera di Niki de Saint Phalle che ha creato un parco naturale con statue coloratissime alte fino a 15 metri ispirate agli arcani dei tarocchi che avvolgono il visitatore in un mondo magico e misterioso.

Il borgo medievale

Tornando a Capalbio, andiamo a conoscerne il borgo medievale, che testimonia appunto i periodi storici vissuti dal paese, con la tavola di Massimo Tosi che ci presenta con una visione dall’alto a volo d’uccello il nucleo antico del paese racchiuso in se stesso entro la possente doppia cinta muraria…

Se vuoi leggere l’articolo completo, con le bellissime tavole di Massimo Tosi, lo trovi pubblicato sul numero di dicembre 2021 di Maremma Magazine (alle pagine 46-48), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI