“Dove tutto finisce”, il nuovo libro di Edoardo Marzocchi

“Dove tutto finisce”, il nuovo libro di Edoardo Marzocchi

2846
0
CONDIVIDI

Nel suo nuovo romanzo, dal titolo “Dove tutto finisce” pubblicato da Edizioni Medicea Firenze, con la prefazione di Sandro Veronesi, il grossetano Edoardo Marzocchi racconta una storia attuale e dolorosa ambientata nella nostra regione

Una realtà misteriosa, fatta di sacchi di contanti e debiti insanabili, di capannoni inaccessibili e false griffe, di sfruttatori e clandestini. È questo il microcosmo che nascosto nel cuore della Toscana, in una Prato travolta dalla crisi, in cui viene catapultato il capitano della Guardia di Finanza Francesco Ruggieri, protagonista del nuovo romanzo di Edoardo Marzocchi, Dove tutto finisce.
Nel libro, introdotto dalla prefazione del “Premio Strega” Sandro Veronesi, si intrecciano le vicende di straordinaria attualità di personaggi costretti a fare i conti con un presente impietoso: Liu Xiaolong, immigrato cinese che vive e lavora giorno e notte come un fantasma in una ditta, Sergio Pacini, imprenditore di lungo corso disincantato e innamorato di un passato che non torna, Betty Bartolini e Attilio Gori, ricchi commercianti apparentemente impermeabili alla crisi, così come Italo Bardazzi, proprietario del “Caffè Italiano”, storico bar nel cuore cittadino. Ci sono poi un ricercato, un’interprete bellissima e una squadra di investigatori che sulla carta non esiste. Tutti soli e inconsapevoli di come le loro storie potranno incrociarsi e di quale futuro li attenda. I personaggi infatti, come scrive Veronesi nella premessa, sono tutti impegnati a lottare “contro qualcosa che è molto più grande di loro, e così facendo si consacrano alla migliore tradizione romanzesca, quella nella quale, come dice Sartre, «chi perde vince»”.
Con un linguaggio autentico e il ritmo incalzante dell’indagine, Dove tutto finisce va oltre l’idea del romanzo giallo o noir, perché è molto di più, è il racconto di uno spaccato dell’Italia contemporanea che ha visto svanire i propri sogni, capace di aprire al tempo stesso uno squarcio su una comunità chiusa e silenziosa, intorno alla quale si creano leggende, paure e falsi miti.
Grossetano, classe 1973, Edoardo Marzocchi è un tenente colonnello della Guardia di Finanza, e la realtà che racconta nel romanzo la conosce molto bene, dato che ha comandato per diversi anni la Compagnia di Prato e indagato sulle principali forme di illegalità economica del distretto.
Alla sua terza pubblicazione, Marzocchi cambia registro rispetto al passato ma mantiene l’obiettivo puntato sulla Toscana, sia per affetto che per gli stimoli letterari che il nostro territorio continua a offrirgli.
Dopo Fuori corso (romanzo generazionale ambientato nel mondo universitario tra Grosseto e Siena) e Vite nel vento (saggio che racconta storie di uomini che hanno segnato il Novecento in Maremma, scritto insieme al padre Rossano, giornalista e cultore di storia locale), l’autore affonda stavolta la penna e lo sguardo negli anfratti più profondi di una realtà unica, in cui la battaglia quotidiana tra chi difende disperatamente la legalità e chi altrettanto disperatamente la viola diventa dura e dolorosa, non risparmiando nessuno. E Marzocchi si cala in questo ambiente con una scrittura matura e una grande abilità narrativa, descrivendolo e raccontandolo con ricchezza di particolari, facendo – come evidenzia lo stesso Sandro Veronesi – letteratura e non cronaca, rivelandoci “come vanno le cose” e mostrando quella pietà malapartiana (a cui lo stesso titolo richiama) verso tutti i personaggi, impegnati a combattere contro sogni diventati illusioni e ricordi diventati nostalgia, schiacciati da un presente capace di divorare ogni cosa. E nella sua dolorosa intensità, il romanzo arriva in profondità, colpendo il lettore allo stomaco e al cuore.

Dove tutto finisce (232 pagine, € 12) è pubblicato da Edizioni Medicea Firenze, che con Marzocchi inaugura la collana “Scrittori di Toscana”, dedicata a romanzi legati al nostro territorio.

Marzocchi durante la presentazione a Prato con lo scrittore Edoardo Nesi