“La sfinge di Vulci” ospite per tre mesi al Museo archeologico “Giovannangelo...

“La sfinge di Vulci” ospite per tre mesi al Museo archeologico “Giovannangelo Camporeale” di Massa Marittima

171
0
CONDIVIDI

Una mostra allestita, dal 3 agosto al 3 novembre, a Massa Marittima, presso il Museo Archeologico “Giovannangelo Camporeale”, celebra la bellissima scultura di epoca etrusca venuta alla luce pochi anni fa negli scavi guidati da Carlo Casi, direttore del Parco di Vulci. Un divertente itinerario-gioco fa da corollario all’esposizione

****

La scultura è stata ritrovata in una delle tombe della necropoli dell’Osteria, ribattezzata “Tomba della Sfinge”, monumentale ipogeo funerario risalente al VI secolo a.C. Le eccezionali dimensioni del lungo dromos (m 28), tramite il quale si accedeva al vestibolo ed alle camere funerarie, testimoniano l’importanza della famiglia che qui seppelliva i suoi membri…
Nel territorio vulcente si è sviluppata una vera e propria tradizione, che ha dato vita ad una fiorente attività specialistica proseguita, senza soluzione di continuità, per quasi un secolo. A queste sculture, che riproducono soprattutto sfingi, ma anche leoni, pantere, arieti, centauri e mostri marini, in origine era demandato il compito di tenere lontano l’influsso degli spiriti maligni, ma ben presto la loro prerogativa divenne quella di “guardiani” destinati a vegliare sulla pace dei morti e a tener lontano gli avversari che volessero turbarne la quiete. Era per questo che venivano posti all’ingresso delle tombe…
L’esposizione è corredata da una serie di pannelli in cui è raccontato il contesto del ritrovamento, ma anche il rituale funebre in uso con alcuni approfondimenti sull’origine della figura mitica della Sfinge…

L’itinerario-gioco

Partendo dalla Sfinge è stato creato l’itinerario Dalla Sfinge al Grifone: alla scoperta degli animali fantastici nell’arte un modo originale per conoscere più da vicino il centro storico attraverso gli animali fantastici che sono nascosti in opere d’arte, che vanno dal periodo etrusco, a quello medievale, fino all’età moderna, racchiuse nei musei o negli edifici storici della città…

Se vuoi leggere l’articolo completo con tutti i dettagli e il programma degli eventi “Agosto al Museo”, lo trovi pubblicato sul numero di agosto 2019 di Maremma Magazine, alle pagine 54-57. Acquista la tua copia cartacea in edicola oppure la versione digitale, on line! Clicca QUI.

Per avere informazioni si può contattare il Museo Archeologico: 0566 903366; museimassam@coopzoe.it.