Snorkeling e diving, alla scoperta della Maremma sottomarina

Snorkeling e diving, alla scoperta della Maremma sottomarina

172
0
CONDIVIDI

Scoprire il mondo sottomarino della Maremma ed in particolare del Monte Argentario e delle isole dell’Arcipelago Toscano (con in testa l’isola del Giglio e l’isola di Giannutri), attraverso lo snorkeling ed il diving è un’esperienza indimenticabile. Immergendosi nel mare cristallino o anche solo nuotando a fior d’acqua, con maschera e boccaglio, si può ammirare uno spettacolo suggestivo e misterioso, un mondo affascinante. Provare per credere!

****

DI GIADA RUSTICI

Il mare della Maremma, tra i più limpidi d’Italia, accompagna il vortice dei mille paesaggi che virano dalle lunghe spiagge di sabbia fine, alle scogliere a picco sul mare, dalle piccole baie selvagge e incantate, isolate dal resto del mondo, agli stabilimenti balneari attrezzati, per poi arrivare alle isolette pittoresche che fanno da contorno a quella cartolina che è la Maremma. Un’incredibile varietà di modi diversi per vivere il mare.
E quindi perché non provare a godersi le nostre splendide acque da un’altra prospettiva? Insolita, affascinante e avventurosa, negli ultimi anni questa attività ha catturato l’attenzione di molte persone: si parla dello snorkeling, uno sport che tutti possono praticare, grandi e piccoli, che non richiede grandi somme per l’acquisto dell’attrezzatura, né di doti fisiche particolari, ma che comunque deve essere praticato con le dovute attenzioni. Rimanendo a pelo d’acqua, dotati di maschera e boccaglio, è possibile ammirare gli abitanti del mare nuotare indisturbati, senza che si spaventino, e seguirne le loro movenze naturali: impossibile non rimanerne ipnotizzati. Un’alternativa per coniugare invece divertimento estremo e piacere per la scoperta è il diving: immersioni più in profondità, dotati magari di bombole per l’ossigeno; un’esperienza unica avendo l’accortezza di rispettare alcune fondamentali regole di sicurezza, evitando di fare immersioni improvvisate, ma sempre dopo un corso di immersione, una visita medica che escluda qualsiasi controindicazione e dopo aver controllato l’attrezzatura.
Dunque, prendiamo un bel respiro e immergiamoci in questo viaggio, lasciando la splendida terraferma per scoprire la magia ed i colori dei fondali… Il tratto di mare più interessante della Maremma è sicuramente quello compreso tra il Monte Argentario e le isole di Giannutri e del Giglio…

Se vuoi leggere l’articolo completo, con le mete più interessanti non solo se sei appassionato di subacquea, ma anche se nuoti con maschera e boccaglio, lo trovi pubblicato sul numero di agosto 2021 di Maremma Magazine (alle pagine 20-22), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI