Una piazza, una mostra ed un libro per ricordare i “Fratelli Gori...

Una piazza, una mostra ed un libro per ricordare i “Fratelli Gori Fotografi”, straordinari custodi della nostra memoria

165
0
CONDIVIDI

Tutto pronto a Grosseto per la cerimonia di intitolazione della “Piazza Fratelli GORI Fotografi”, nel largo di Viale Porciatti su cui affaccia la sede e la galleria espositiva dell’Archivio Fratelli Gori, straordinaria testimonianza del nostro passato e della nostra memoria che raccoglie oltre 100.000 immagini di una Maremma d’altri tempi. L’appuntamento è in programma il prossimo 15 dicembre 

A distanza di vent’anni dalla scomparsa dell’ultimo fotografo della ditta Fratelli Gori, la città di Grosseto rende loro omaggio, intitolando ai “Fratelli Gori Fotografi” il largo di Viale Porciatti su cui affaccia la sede dell’archivio e la galleria espositiva. La cerimonia avverrà il 15 dicembre alle ore 11.30 alla presenza delle autorità cittadine.
Nell’occasione proprio nella galleria espositiva in Viale Porciatti 10 gli eredi dei Fratelli Gori in segno di riconoscenza inaugureranno la mostra fotografica “Grosseto dentro le mura”, secondo capitolo dell’esposizione del dicembre 2014 “Borgo Tripoli e la prima Grosseto fuori le mura” che potrà essere visitata fino alla fine delle festività natalizie.
«L’Archivio Fotografico Fratelli Gori – sottolineano Maria Enrica Monaco Gorni e Giovanni Gori – è oggi un’associazione di promozione sociale che riunisce la famiglia allargata ed ove tutti collaborano secondo le proprie capacità, disponibilità ed esperienze professionali nel proseguire l’opera di testimonianza della Maremma avviata dai nostri cari. Ci auguriamo – grazie alla mostra ed alla pubblicazione annessa – di risvegliare nel visitatore il senso di identità e appartenenza che ci rende orgogliosi del nostro territorio e della città di Grosseto».

Un po’ di storia

Quella dei Fratelli GORI, con la loro attività di Fotografi, è una storia importante che copre quasi un secolo di vita della Maremma. Le loro origini si identificano con l’attività di Enrico Gori, romano, capostipite della famiglia, attore di teatro, pittore e fotografo. I suoi figli maschi: Giovanni, Antonio, Giuseppe e Paolo, appresero dal padre l’arte della fotografia divenendo tutti fotografi professionisti del ‘900; anche le due figlie minori Chiara e Francesca contribuirono all’azienda di famiglia. Studi fotografici furono aperti ad Assisi, a Roma ed in Toscana.
Presenti a Grosseto fin dal 1934, in Via Pisani 9, con uno studio fotografico con annessa abitazione. Nel 1941 Viale Pisani diverrà Viale Italo Balbo e dopo il 1944 Viale Matteotti. Questo studio, verrà ben presto affiancato da altri sia in città (Via Manin, Via F. Filzi) che a San Rocco, Punta Ala e Marina di Grosseto; rimarrà il principale fino alla definitiva chiusura nel 1990. Nel dopoguerra, lo studio de i Fratelli Gori è stato il principale studio di fotografia a Grosseto.
In oltre 65 anni di attività i Fratelli Gori sono diventati i maggiori fotografi documentaristi dell’area grossetana: grazie alla collaborazione con importanti aziende agricole del territorio è stato dato risalto alla vita legata all’agricoltura ed all’alleva mento; sono state condotte campagne fotografiche di luoghi di interesse storico, turistico e archeologico per conto dell’Azienda di Promozione Turistica e dell’Ente Maremma.
44 mila servizi fotografici con oltre 100.000 immagini: è questa la consistenza dell’attuale Archivio fotografico dei Fratelli Gori, un archivio privato di proprietà dei sette eredi e discendenti, riuniti in una Associazione culturale senza fine di lucro.
Per approfondire la storia di questa famiglia:
Matteo Baragli, “Professione fotografi – L’archivio dei fratelli Gori” – ISGREC Istituto Storico Grossetano della Resistenza e dell’Età Contemporanea, luglio 2008;
Maria Enrica Monaco Gorni, “La famiglia Gori, fotografi professionisti del ‘900”.

Se vuoi leggere l’articolo completo pubblicato sul numero di dicembre 2018 di Maremma Magazine, alle pagine 28-30, acquista la tua copia cartacea in edicola oppure la versione digitale, on line! Clicca QUI

Website dell’Archivio Gori: www.archiviofotogori.com