Morellino Classica, il festival che da otto anni promuove la Maremma nel...

Morellino Classica, il festival che da otto anni promuove la Maremma nel mondo

118
0
CONDIVIDI

Con la presentazione a Milano presso Fazioli Pianoforti Show Room dell’ottava edizione della rassegna, riparte il viaggio musicale attraverso i luoghi più affascinanti della Maremma toscana. Diciannove concerti che, a partire da maggio fino a dicembre, offriranno una stagione musicale prestigiosa già consolidata nella presenza di un pubblico internazionale e nell’attenzione dei grandi media (Rai, Mediaset, BBC)

****

DI ELISABETTA RUSSO

Morellino Classica Festival giunge quest’anno alla sua ottava edizione, sulle ali del successo crescente delle uscite passate che hanno riscosso sempre maggior consenso di pubblico e di critica: un Festival che è ispirato dalla bellezza incontaminata della Maremma e dei suoi luoghi incantevoli e fondato sull’idea
di rendere questi spazi palcoscenico naturale per offrire al pubblico un’esperienza unica e irripetibile di ascolto di grande musica immersa in scenari ed atmosfere magiche. La ricca gamma dei luoghi è formata da cantine avveniristiche, castelli, teatri, chiese, conventi, siti archeologici, cave di marmo, casseri, esclusive terrazze sul mare.
Il Festival è un dunque un variegato itinerario musicale che parte ancora da Milano nella sede Fazioli Pianoforti Show Room dove il 13 maggio sarà ufficialmente presentato il programma della stagione e dove il direttore artistico, il pianista Pietro Bonfilio, terrà il concerto d’apertura con musiche di P. I.
Tchaikovsky, F. Liszt e M. Mussorgsky alla presenza di RAI Radio 3 e della Direzione del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, partner musicale del Festival da diversi anni. Al concerto seguirà una degustazione che farà conoscere al pubblico milanese i prodotti agrobiologici e i vini della Maremma, con il supporto della Scuola Europea Sommelier, che accompagnerà poi il Festival, come gli scorsi anni, per le degustazioni a conclusione delle diverse tappe.

In attesa della presentazione ufficiale vogliamo anticipare per i nostri lettori il programma del Festival che oltre alla musica, anche quest’anno, farà conoscere importanti novità editoriali e ammirare capolavori della storia dell’arte.
Uno degli appuntamenti più attesi sarà infatti il recital pianistico del 14 agosto sull’incantevole collina di Castiglione della Pescaia, una nuova location per il Festival, con vista mozzafiato a 360° sul mare, dedicato ad un raro evento culturale con l’esposizione di alcuni dipinti di Francisco Goya, in virtù di un accordo con la Fondazione Viveterna Modern Luxury Living. Il concerto sarà tenuto da Pietro Bonfilio, che presenterà le Suite Goyescas di E. Granados ispirate ai dipinti del grande artista spagnolo e Quadri da un’esposizione di M. Mussorgsky. Un evento da non perdere, che si preannuncia come un’esperienza memorabile. I dipinti saranno esposti dal 10 al 25 agosto a Castiglione della Pescaia e al Museo Archeologico “Isidoro Falchi” di Vetulonia. In seguito e fino al 30 settembre a Gavorrano, Caldana e al Museo Comunale di Grosseto.

Un altro degli eventi culturali molto attesi, incentrato su due celebrità della storia della musica del Novecento russo, il pianista Heinrich Neuhaus e il violoncellista Mstislav Rostropovich, sarà la presentazione della nuova edizione “Sellerio” del libro di Heinrich Neuhaus “L’arte del pianoforte”, curato e tradotto in italiano dal musicologo e allievo del grande pianista, Valerji Voskoboinikov, che insieme a Michail Utkin, allievo del grande violoncellista, farà rivivere i fasti della grande scuola musicale russa.

Altri due importanti appuntamenti della stagione vedranno interpreti di calibro internazionale, che rappresentano a pieno titolo la grande scuola pianistica italiana nel mondo. Il primo è con Beatrice Rana, vincitrice del Premio Oscar della musica classica e del premio Van Cliburn, che si esibirà il 18 luglio nel cortile del Castello di Montepò, tra i più antichi manieri della Toscana, proprietà dell’azienda Biondi Santi, storico casato di Montalcino. Sarà un concerto altamente virtuosistico e profondamente coinvolgente.

L’altro concerto vedrà l’esibizione del grande pianista Giuseppe Andaloro, uno dei più apprezzati interpreti italiani, vincitore del premio Busoni, che terrà un recital il 27 luglio nella Tenuta dell’Ammiraglia Marchesi Frescobaldi a Magliano, con musiche di G. F. Handel, L. V. Beethoven, M. Ravel, S. Rachmaninov e sconfinamento in un classico del rock con un’incredibile versione di Bohemian Rhapsody di Freddie Mercury-Queen.

Se vuoi leggere l’articolo completo pubblicato sul numero di aprile 2019 di Maremma Magazine, alle pagine 28-31, acquista la tua copia cartacea in edicola oppure la versione digitale, on line! Clicca QUI