Pitigliano, un borgo incantevole e decisamente pet friendly. Parola di Biscotto

Pitigliano, un borgo incantevole e decisamente pet friendly. Parola di Biscotto

295
0
CONDIVIDI

Un articolo dal taglio scherzoso scritto… dal cane Biscotto (con l’aiuto della sua padroncina), con l’intento di promuovere Pitigliano, non solo per tutte le sue bellezze ed i suoi tesori, ma anche come paese orgogliosamente “pet friendly”. Un modo innovativo e leggero, ma al tempo stesso utile, per contribuire a promuovere sempre di più a livello turistico questo borgo così amato che, da 4 anni, piace tanto anche a… Biscotto

****

DI MICHELA SCOMAZZON GALDI E BISCOTTO IL #CANEBUONO

La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali. Gandhi

Io viaggio molto e adoro viaggiare in Italia. Mi piacciono i posti ricchi di tradizioni, storia, natura e, fortunatamente, ogni angolo del nostro Paese racchiude sorprese meravigliose e borghi incantevoli: peccato ci sia voluto il Covid per capirlo!
Il borgo che preferisco è al confine tra Lazio e Toscana: Pitigliano, conosciuto in tutto il mondo non soltanto per il suo vino bianco doc ma anche come “la piccola Gerusalemme” per l’importante comunità ebraica che qui si formò a metà del 1500.
Arroccato su uno sperone di tufo, sul quale di notte sembra sospeso, il paese è meta di turisti italiani e stranieri che cercano – e qui trovano – bellezze naturali a volte misteriose (basti pensare alle vie cave), arte, tradizioni, un’ottima gastronomia e vini tra i più famosi della maremma. I numerosi turisti che lo visitano in ogni stagione dell’anno si aggirano per i tanti caratteristici vicoli del centro storico, entrano a curiosare nelle numerose botteghe per acquistare prodotti di artigianato locale e di enogastronomia, visitano l’interessante quartiere ebraico, per poi arrivare a piedi sino a “capisotto” ed al suo panorama, per godere “interminati spazi, sovrumani silenzi e profondissima quiete”…
In virtù delle sue bellezze uniche, recentemente Jetcost – noto motore di ricerca per voli ed hotel – ha selezionato una lista dei 20 borghi più belli di Europa, in base alle segnalazioni ricevute dagli utenti. Per l’Italia, sono state selezionate solo tre località: Pitigliano nella maremma toscana, Ravello in provincia di Salerno, Manarola in Liguria…

Siete curiosi di conoscere la mia identità?
Sono Biscotto, un incrocio di border collie dal magnifico color mandorla. Perché vi ho parlato di Pitigliano proprio io che provengo dal Sud e sono stato adottato a Roma?
Sono uno dei frequentatori più assidui ed affezionati di questo borgo, insieme ai miei “genitori bipedi” che da tantissimi anni hanno qui il loro piccolo buen retiro nel quale veniamo in ogni stagione dell’anno, trascorrendoci spesso anche le vacanze estive. Michela e Carlo, i miei “genitori” umani, mi hanno raccontato che Pitigliano è sempre stato – come un po’ tutti i paesi italiani – il luogo dei gatti. Ce ne sono tuttora tanti, padroni dei vicoli del centro storico, dove si offrono – attori esperti e vanitosi – alle fotografie scattate dai turisti. Ma da alcuni anni la situazione è cambiata: molti pitiglianesi – anche grazie alle campagne di sensibilizzazione del Comune – hanno adottato un cane. Ce ne sono tanti, di razza, meticci, e di ogni grandezza e colore…
La consistente presenza nel paese di noi frequentatori a 4 zampe è stata presto notata anche dal sindaco Giovanni Gentili e dalla sua Giunta, i quali un anno fa hanno realizzato un progetto a nostro favore, già presente nel loro mandato: un’area di sgambamento cani! Il progetto è diventato realtà nel maggio del 2019: in via Gervasi, nella zona nuova del paese, è stato aperto un vero e proprio parco giochi…

(…)

Se vuoi leggere l’articolo completo, lo trovi pubblicato sul numero di ottobre 2020 di Maremma Magazine (alle pagine 36-39), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI