Consumiamo prodotti italiani. L’appello di Confagricoltura e CIA Grosseto

Consumiamo prodotti italiani. L’appello di Confagricoltura e CIA Grosseto

99
0
CONDIVIDI

“Consumiamo italiano. Sostieni l’Italia, sostenendo chi la sostiene”. L’appello dei presidenti toscani di Confagricoltura Neri, Tocchi, Folonari e Stassano cui si aggiunge anche quello dei vertici di CIA Grosseto che in questo momento di emergenza sanitaria invocano l’aiuto verso gli agricoltori, da parte dei consumatori, attraverso la scelta di prodotti locali garantiti e tracciati

****

“Mangia italiano, perché sai cosa consumi”. È questo l’appello lanciato dai presidenti di Confagricoltura di Grosseto, Attilio Tocchi, Livorno, Guido Folonari e Pisa, Alessandro Stassano, sostenuto e fortemente condiviso dal presidente regionale, Marco Neri, il quale si impegnerà a spingerlo nei tavoli regionali di discussione.
Quella che i presidenti di Confagricoltura toscani hanno valutato, non vuole essere un richiamo autarchico ma semplicemente una valutazione oggettiva di quella che è, in questo momento, la realtà.
“Alla luce della emergenza Coronavirus – spiegano –, il solo settore produttivo pienamente attivo in tutta Italia è quello dell’agroalimentare che sta sostenendo sulle sue spalle la nostra economia. Ragione per cui, sarebbe logico che i consumatori tenessero in debito conto questo e si comportassero di conseguenza, adottando condotte consoni e adeguate alla gravità del momento e capaci di dare un sostegno fattivo all’intera filiera agricola nazionale che continuerà a produrre per loro, prodotti genuini e freschi”. “Consumiamo prodotti italiani – aggiungono i presidenti –. Ci raccomandiamo di leggere attentamente le etichette e la provenienza di ciò che comprate. Valorizziamo di più le produzioni autoctone.”…

Se vuoi leggere l’articolo completo, lo trovi pubblicato sul doppio numero speciale di maggio 2020 di Maremma Magazine (alle pagine 44-46), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI 

La bella notizia: con “Maremma a domicilio” i prodotti locali arrivano a casa

Si chiama “Maremma a domicilio” ed è una bella iniziativa dei giovani agricoltori maremmani grazie alla quale le proprie produzioni vengono consegnate direttamente nelle case dei consumatori. Parte del fatturato destinato alla Croce Rossa.

I giovani agricoltori, uniti nel nome della solidarietà, mettendosi al servizio degli altri. Si chiama “Maremma a Domicilio”, l’iniziativa che un gruppo dei soci di Anga Grosseto, l’Associazione Nazionale dei Giovani di Confagricoltura, ha creato al fine di fa raggiungere i propri prodotti agricoli dalle aziende nelle case dei clienti, declinando il famoso slogan “dal produttore al consumatore”.

Per informazioni basta andare sul sito www.maremmaadomicilio.wordpress.com, oppure sulla pagina Facebook Maremma a Domicilio o inviare una mail a maremmaadomicilio@gmail.com.