Maggio il mese del fiore più bello: Maria e l’iconografia della Madonna...

Maggio il mese del fiore più bello: Maria e l’iconografia della Madonna del Rosario

214
0
CONDIVIDI
DI OLIVIA BRUSCHETTINI

Maggio è il mese mariano dedicato alla Madonna, per cui in occasione di questa ricorrenza offriamo un itinerario religioso legato alla contemplazione di dipinti, conservati in alcune chiese della diocesi di Grosseto, aventi per soggetto proprio la figura della Madonna, a partire da Marina d’Alberese per arrivare a Sticciano Alto, passando per Torniella

La consuetudine legata alla tradizione cristiana ci ricorda che maggio è il mese dedicato alla Madonna. Ma da dove inizia questa storia?
Come molte delle tradizioni cristiane anch’essa è legata al mondo pagano. Di fatto nel Medioevo facevano parte della tradizione i festeggiamenti in onore della natura e della dea Maia, regina della primavera. San Filippo Neri tratteggiò il futuro mese mariano, educando i giovani ad ornare di fiori l’immagine della Vergine nel mese di maggio, cantando
anche lodi in Suo onore.
La norma che convenziona il mese di Maggio arriva soltanto con una pubblicazione del 1725 ad opera del padre gesuita Annibale Dionisi, sotto lo pseudonimo di Mariano Partenio, che nel suo Mese di Maria o sia il mese di maggio
consacrato a Maria con l’esercizio di varj fiori di virtù proposti a’ veri divoti di lei, pubblicato a Parma, fissa gli elementi strutturali del mese mariano, con preghiere davanti alla Sua immagine, recitando il rosario o almeno le litanie.

In occasione di questa ricorrenza potrebbe essere adatto suggerire un itinerario religioso legato alla contemplazione di dipinti, conservati in alcune chiese della diocesi di Grosseto, aventi per soggetto la figura mariana…

L’articolo completo è pubblicato nel nr. Di maggio 2018 di Maremma magazine a pag. 42, in edicola e on line su www.maxisoft.it/mdm/maremmamagazine/index.php