Il Fratino, emblema delle spiagge pulite e orgoglio di Maremma

Il Fratino, emblema delle spiagge pulite e orgoglio di Maremma

34
0
CONDIVIDI

Proprio così. Forse non tutti sanno che il Fratino, un piccolo uccello lungo dalla coda al becco appena 16/18 cm chiamato anche Gambettino, è considerato come un sinonimo, emblema o sentinella delle spiagge pulite. E la Maremma – e non certo per caso – è una delle poche zone d’Italia in cui nidifica, circostanza che merita di essere sottolineata e salvaguardata…

****

DI GIANCARLO GABBRIELLI

Da ragazzo negli anni 60 andavo la mattina, con l’ombrellone legato alla canna della bicicletta, da Grosseto a Marina di Grosseto. Sulla spiaggia passavano altri ragazzi a vendere quei bei bomboloni decantati anni dopo dalla Gianna nazionale. In acqua si vedevano le stelle marine e sulla battigia sgambettavano piccoli e graziosi uccelletti. Ora i bomboloni non passano più a profumare le spiagge, le stelle marine sono scomparse, ma ancora raramente e per fortuna si vedono gli svolazzi dei simpatici uccelletti: i Fratini.
Il Fratino (charadrius alexandrinus), in Maremma chiamato anche Gambettino, è un piccolo uccello lungo dalla coda al becco appena 16/18 cm. Testa tonda con becco corto, con una mascherina nera sugli occhi, ha il dorso grigio-marrone e si mimetizza facilmente con la sabbia e, se rimane immobile, è difficile vederlo sull’arenile. Si sposta invece con brevi scatti veloci sul limite della battigia per cercare insetti e vermi. In primavera nidifica scavando una piccola buca sulla sabbia deponendo solitamente tre uova. Dopo 23-28 giorni nascono già con le piume i pulli che scappano subito dal nido, ma non sono in grado di volare se non dopo circa un mese, e qui nascono i problemi più seri per la loro sopravvivenza.
Il Fratino, infatti, è un uccello in via di estinzione e come tale tutelato da direttive Comunitarie e da leggi nazionali e regionali. In Toscana questa specie è considerata una delle più rare tra quelle nidificanti; si calcola che a fronte di circa 70 coppie di fine anni ‘80, nel 2016 la popolazione sia scesa a sole 22 coppie.
La sua presenza è un buon indice dello stato di salute dell’intero ecosistema costiero; ogni qualvolta c’è il nido del Fratino significa, insomma, che si tratta di una spiaggia non inquinata, poco disturbata, normalmente tutelata e conservata, tant’è che il Fratino è definito emblema o sentinella delle spiagge pulite.
Allora merita di proteggerlo perché è motivo di vanto e di orgoglio per la Maremma, che è uno dei pochi posti dove questo piccolo uccelletto ha scelto istintivamente la sua casa.
È così che da alcuni anni l’Associazione Maremma Pro Natura sotto la guida dell’Ornitologa Elena Grasso ed altre Associazioni ambientaliste provvedono con i loro volontari a scoprire i nidi e metterli in sicurezza con recinzioni, cartelli e sorveglianza fino alla schiusa delle uova…

Se vuoi leggere l’articolo completo, lo trovi pubblicato sul numero di luglio 2022 di Maremma Magazine (alle pagine 65 e 68), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI