Prende corpo il Ponte ciclabile e pedonale sull’Ombrone

Prende corpo il Ponte ciclabile e pedonale sull’Ombrone

6515
0
CONDIVIDI

Tra i firmatari dell’Accordo di Programma Regione, Comune e anche l’Ente Parco della Maremma. 1,8 milioni di investimento, di cui 500mila dalla Regione. Obiettivo quello di completare il progetto regionale di Ciclopista Tirrenica

****

È stato firmato l’8 maggio scorso dal Comune di Grosseto, dalla Regione Toscana e dall’Ente Parco Regionale della Maremma, l’Accordo di Programma relativo alla realizzazione di un “Attraversamento ciclabile, pedonale ed equestre del fiume Ombrone in Loc. La Barca” (ponte che unirà il lato destro del fiume e la Strada della Trappola al lato sinistro del corso d’acqua, verso Alberese e il confine dell’area protetta).
Il progetto è stato realizzato dagli uffici comunali anche con la collaborazione di professionalità esterne e degli studenti dell’Istituto tecnico per le costruzioni, l’ambiente e il territorio di Grosseto che aveva partecipato ad un concorso di idee. La versione definitiva è stata poi approvata nel febbraio scorso dalla Giunta comunale e l’esecutivo lo farà la ditta che si aggiudicherà l’appalto.
L’opera rientra nel progetto regionale di completamento della Ciclopista Tirrenica (collegamento tra Liguria e Lazio). Erano infatti presenti alla firma numerosi rappresentanti di altre amministrazioni comunali, tecnici regionali e i rappresentanti di Legambiente e Grosseto ciclabile.
Per l’infrastruttura di Grosseto si prevede un investimento di 1,8 milioni di euro, di cui 500mila arriveranno attraverso un finanziamento straordinario regionale erogati per il 50% all’avvio delle procedure di gara e per il restante alla consegna del cantiere. 1,3 milioni di euro sono invece fondi comunali provenienti dalla ridestinazione di un vecchio mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti (come già fatto per il rifacimento di un lungo tratto della pista ciclabile da Grosseto e Marina). Il Comune sarà il soggetto attuatore e appaltante dell’opera. Il Parco regionale della Maremma si impegna invece a rendere pienamente fruibile l’opera all’interno del parco nell’ottica della mobilità sostenibile.
Il progetto dell’opera prevede una struttura in acciaio ad arco, poco impattante, lunga 72 metri e larga 4 dotata di una pavimentazione in legno. Tale pavimentazione sarà in grado di sostenere non solo pedoni, biciclette e cavalli ma anche mezzi di soccorso.
È in fase di progettazione una ciclabile di oltre 8 km fino a via Meda.

Ipotesi ponte