Viaggio alla scoperta della Maremma più misteriosa, segreta e fuori dagli schemi!

Viaggio alla scoperta della Maremma più misteriosa, segreta e fuori dagli schemi!

406
0
CONDIVIDI

La Maremma è una terra davvero ricca e variegata che riserva sorprese in ogni dove e che non si finisce mai di scoprire. E allora per chi vuole provare ad addentrarsi nei meandri più misteriosi e segreti di questo angolo di Toscana ecco un tour non convenzionale in luoghi nascosti e poco
battuti, ma pieni di suggestione e fascino…

****

DI CRISTINA CHERUBINI

…Il territorio della Maremma ha delle caratteristiche estremamente peculiari, in quanto oltre ad essere molto vasto, ha anche una morfologia piuttosto selvaggia, la quale rende ancor più interessanti ipotetiche spedizioni alla scoperta di posti celati dal tempo. Sicuramente molte tappe incantate sono ancor oggi sconosciute persino a noi amanti della Maremma, ma con questo viaggio ideale tra i suoi tesori, proviamo a dare alcuni spunti di grande interesse, per dei tour alla scoperta del territorio…
Nei pressi di Sorano, avvolta ormai da una folta vegetazione, si incontra un’antica città ormai dimenticata, un tempo il più grande insediamento rupestre medievale dell’Italia centrale: Vitozza. La città affonda le sue origini nel Paleolitico ma raggiunse il suo periodo di massimo splendore intorno al XII-XIV secolo. Presenta abitazioni su due piani, ricavate all’interno di grotte scavate nel Tufo, di cui si conoscono alcuni dettagli della popolazione che vi era insediata solo grazie al censimento fatto nel 1783 per ordine dei Lorena.
Sempre nel cuore della città del Tufo, possiamo addentrarci nei meandri della via Cava di San Rocco, situata in prossimità di Sorano. La Città del Tufo ospita dal 1998 un parco archeologico che comprende diverse attrattive, tra cui le necropoli sovanesi di Poggio Felceto, Poggio Prisca, Poggio Stanziale e Sopraripa, le Vie Cave di Sovana, oltre agli insediamenti rupestri di San Rocco e di Vitozza.
San Rocco si trova su una terrazza panoramica che domina la valle del Lente, inizialmente caratterizzato da una chiesa ospitante dipinti risalenti al 600, oltre la quale si incontra un sentiero che conduce alla via cava di San Rocco, di probabile origine etrusca e scavata nel tufo, composta da peculiari immagini sacre apotropaiche, realizzate per allontanare gli spiriti maligni e proteggere i viandanti.
Parlando di vie cave, il tour forse più lungo è quello che interessa la zona di Pitigliano, in quanto richiede circa 3 ore di tempo per essere percorso in ambo i sensi ed ha una lunghezza approssimativamente di dieci km. Grandi camminamenti a cielo aperto tagliati all’interno della roccia tufacea di origine etrusca, immersi tra la fitta vegetazione, il visitatore sarà sopraffatto dalle maestose pareti che le caratterizzano ed arrivano fino ai 15 metri di altezza. Percorrere le vie che un tempo conducevano a luoghi religiosi quali le necropoli trasmette un magnetismo quasi mistico ed un’energia unica nel cuore del visitatore. Lungo tale camminamento è possibile scovare diversi punti di interesse, tra cui il Ponte Romano, il Mulino e la Cascata del Londini. Quest’ultima non è altro che una cascata formata da un invaso, che si staglia in mezzo ad una sorprendente natura incontaminata…

Se vuoi leggere l’articolo completo e scoprire i numerosi luoghi bellissimi e misteriosi di cui è ricca la Maremma, lo trovi pubblicato sul numero di giugno 2021 di Maremma Magazine (alle pagine 14-18), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI