Quando, nel lontano 1975, nacque Telegrosseto e la città si scoprì viva

Quando, nel lontano 1975, nacque Telegrosseto e la città si scoprì viva

68
0
CONDIVIDI

Risalgono ad ormai quasi cinquant’anni fa le impor tanti novità introdotte nel panorama televisivo italiano tra cui la creazione della terza rete Rai e la legittimità delle reti private locali. In questo contesto, un gruppo di amici grossetani creò Telegrosseto, la prima televisione privata locale della città, grazie all’impegno e all’iniziativa dei fondatori

****

DI ROSSANO MARZOCCHI

È l’11 aprile del 1975 quando la legge numero 103 riforma l’assetto Nradiotelevisivo italiano. Ci sono novità straordinarie per l’epoca, davvero incredibili a raccontarle oggi: viene creata, la terza rete Rai e sono legittimate le reti private via cavo a carattere locale.
E la Maremma, con uno slancio impensabile, si sveglia di colpo da quel torpore agreste che spesso la descrive nell’immaginario comune e nel confronto
con realtà più sviluppate.
Cos’è il genio? Farà dire qualche anno dopo Mario Monicelli a Gastone Moschin, alias Rambaldo Melandri, nel suo Amici miei atto II: fantasia, intuizione, colpo d’occhio e velocità di esecuzione. Esattamente le doti che un gruppo di amici grossetani sfoggerà in quel 1975.
Passata l’estate, infatti, nel capoluogo si alzano le antenne e iniziano le trasmissioni di una rete privata, il cui nome non lascia spazio a dubbi: Telegrosseto.
Si tratta di una novità assoluta: una televisione della città, per la città e per il territorio…

L’emittente si distinse per programmi nuovi e variegati, tra cui telegiornali locali, medicina, spettacoli musicali e documentari, ma anche sport e cultura. Purtroppo, nonostante il successo, l’avventura di Telegrosseto non durò a lungo…

Se vuoi leggere l’articolo completo, lo trovi pubblicato sul numero di dicembre 2023 di Maremma Magazine (alle pagine 101-103), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI