Pitigliano e il Castello Orsini, il fascino maestoso di un gioiello della...

Pitigliano e il Castello Orsini, il fascino maestoso di un gioiello della Maremma

214
0
CONDIVIDI

Riprendiamo il nostro viaggio alla scoperta di luoghi ed edifici storici della Maremma attraverso le tavole di Massimo Tosi. Oggi ci soffermiamo su Pitigliano e la fortezza Orsini, meta di rara bellezza dove storia ed architettura si fondono in uno spettacolare scenario mozzafiato che merita certamente una visita

****

DI ELISABETTA RUSSO

Pitigliano si presenta a sorpresa lasciando a bocca aperta chi arriva dalla strada regionale maremmana: improvvisamente dopo una curva ci si trova di fronte il paese magicamente sospeso su uno sperone di tufo, imponente e maestoso. Non si può non fermarsi ad ammirare e fotografare la stupefacente bellezza di questo borgo letteralmente scolpito nel tufo, che di giorno si staglia sui colori cangianti del cielo e di sera appare come un suggestivo presepe illuminato. Uno spettacolo incantevole che fa di Pitigliano uno dei più bei borghi d’Italia e d’Europa.
Non ci sorprende quindi trovare Pitigliano tra le tavole a china acquerellata di Massimo Tosi, architetto toscano e amante della Maremma, che da molti anni si dedica a rappresentare luoghi ed edifici d’interesse storico ed architettonico in Italia…

La visita virtuale parte dalla rappresentazione d’insieme del borgo antico di Pitigliano, dove oltre le costruzioni di tufo inglobate nello sperone di roccia spiccano il grandioso Palazzo Orsini e l’antico acquedotto mediceo, con i suoi giganteschi archi. E si conclude proprio a Palazzo Orsini, palazzo di notevole pregio storico ed architettonico e spesso sede di importanti mostre ed eventi culturali e musicali…

Se vuoi leggere l’articolo completo, lo trovi pubblicato sul numero di marzo 2021 di Maremma Magazine (alle pagine 50-54), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI