Pierandrea Vanni, un amore chiamato Sorano

Pierandrea Vanni, un amore chiamato Sorano

25
0
CONDIVIDI

Fare il sindaco di un piccolo comune di provincia collocato nell’entroterra maremmano non è certo impresa facile. Pandemia, crisi energetica, spopolamento, burocrazia e chi più ne ha più ne metta sono problematiche che scoraggerebbero chiunque. Ma a Pierandrea Vanni, “primo cittadino”, ormai di lungo corso, di Sorano piacciono le sfide ed è mosso da un amore sconfinato per il suo paese natìo. Un amore che si riflette nella sua attività quotidiana al servizio della propria comunità

****

DI RENZO VATTI
Pierandrea Vanni

Pierandrea Vanni, giornalista professionista, per quasi quaranta anni a La Nazione nella sede di Firenze dalla quale è uscito per andare in pensione come caporedattore centrale, dedica da molti anni le sue energie a Sorano. È stato sindaco dal 2004 al 2014, poi vice sindaco con Carla Benocci ottima cittadina, e di nuovo sindaco dal 2019.
A lui abbiamo rivolto alcune domande sulla sua esperienza di sindaco e sulle maggiori difficoltà incontrate in questi difficili anni.

Quali sono stati i momenti più brutti e più belli di questi tre anni del suo terzo mandato?
I più brutti? Sicuramente il primo caso di Covid nel Comune e quando, all’inizio del lockdown con l’autoparlante della macchina dei vigili urbani abbiamo girato frazioni e borghi per chiedere di restare a casa. In quei momenti vivevo l’angoscia di chi mi ascoltava e che era anche la mia. Il più bello? Quando ci è stata annunciata dal direttore generale della Usl, presente il presidente della Regione Giani, che l’Usl avrebbe finalmente riaperto il reparto di medicina dell’ospedale di Pitigliano. Si concludeva un lungo confronto, a volte aspro, mai facile, che non ho portato avanti da solo, fondato sul diritto dei cittadini delle aree cosiddette disagiate di avere almeno un minimo di assistenza e sicurezza sanitaria sul territorio…

Se vuoi leggere l’intervista completa, la trovi pubblicata sul numero di novembre 2022 di Maremma Magazine (alle pagine 50-52), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI