“Maremma. Paesaggi 1870 – 2020”, una mostra celebra i colori della nostra...

“Maremma. Paesaggi 1870 – 2020”, una mostra celebra i colori della nostra terra

69
0
CONDIVIDI

“Maremma. Paesaggi 1870-2020”: è il titolo della mostra a cura di Marco Firmati, Andrea Granchi, Francesca Petrucci, allestita al Polo Aldi di Saturnia dal 27 giugno scorso, fino al prossimo 9 gennaio. L’esposizione voluta da Tema Vita presenta opere di artisti dal 1870 ad oggi, accomunati dall’amore per la nostra terra, in cui protagonista è la natura, rappresentata attraverso il punto di vista soggettivo dei singoli pittori

****

DI MARCO FIRMATI

A cinque anni dalla sua apertura, il Polo Pietro Aldi di Saturnia presenta al pubblico una nuova importante proposta culturale relativa ai paesaggi della Maremma realizzati tra il 1870 e il 2020 da undici artisti che per la maggior parte vi sono nati e vissuti o che, comunque, l’hanno amata per la vita.

Pietro Aldi: Scogliera

Pietro Aldi

La data segnata a inizio del percorso è un omaggio a Pietro Aldi, ospite dell’iniziativa, che mai è stato paesaggista, ma che spesso ha disegnato e dipinto paesaggi come sfondo dei suoi quadri di storia e di cui in questa occasione vediamo toccanti vedute della terra natia, ritratte dalle finestre di casa durante le numerose occasioni di convalescenza nella sua pur breve vita.
I paesaggi dipinti da Pietro Aldi introducono, quindi, l’esposizione e ne chiariscono il significato: le visioni della Maremma ospitate a Saturnia sono interpretazioni soggettive, ispirate agli autori da una loro particolare affettività al territorio e forse la mostra si poteva intitolare “Amare la Maremma”, dato che gli artisti presenti hanno letto quello che vedevano con linguaggi individuali e diversificati, ma con la stessa tensione emotiva verso la terra di origine o di affezione…

Gli artisti del primo Novecento

La mostra, intorno al “cuore” logistico, riservato ai dipinti e ai disegni di Pietro Aldi, al primo piano della palazzina del Polo propone, in ordine cronologico, le opere di artisti attivi nella prima metà del Novecento: Paride Pascucci, Memo Vagaggini, Carlo Gentili, Vittorio Granchi

Gli artisti contemporanei

L’esposizione è completata nel piano inferiore con le opere dei sei artisti viventi, ancora interessati agli stessi paesaggi, ma con risultati di spiccata visionarietà tanto da spostare la “descrizione” verso una dimensione più mentale, evocativa e di memoria. Sono: Luigi Doni, Carlo Bertocci, Rodolfo Ceccotti, Adriano Bimbi; altrettanto armoniosa, nel passaggio del testimone tra generazioni diverse, la sala dedicata ad Andrea Granchi e Jacopo Ginanneschi

Se vuoi leggere l’articolo completo, lo trovi pubblicato sul numero di ottobre 2021 di Maremma Magazine (alle pagine 32-36), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI