Mantellassi, oltre sessant’anni di storia, vita e passione di una grande Famiglia...

Mantellassi, oltre sessant’anni di storia, vita e passione di una grande Famiglia di viticoltori

73
0
CONDIVIDI

È una bella storia, semplice e genuina come il vino che producono, quella che sta scrivendo dal 1960 la Famiglia Mantellassi nel mondo enologico maremmano e non solo. Una storia che quest’anno viene raccontata da Andrea Zanfi in un libro celebrativo dal titolo “La scommessa del Morellino” appena pubblicato

****

UNA STORIA DI SUCCESSO

Giuseppe e Aleandro Mantellassi

Era il 1960 e, in Maremma, finalmente, l’agricoltura, attraverso la Riforma Agraria, stava cambiando grazie alle opere di bonifica che avevano trasformato quei terreni un tempo paludosi in zone fertili. Per quanto incomprensibile, però, i giovani si allontanavano comunque dalle loro terre in cerca di altre occasioni, sperando di migliorare la loro vita.
Per Ezio Mantellassi, capostipite di quella che oggi è un’azienda vinicola di successo, quel momento rappresentò invece una scelta per andare controtendenza.
Lui stesso lo racconta così: “Una volta, avendo qualche soldo da parte, ero indeciso se comprare casa o comprare terra. Ma te sei matto – mi disse il mio babbo –, se cade una bomba la tira giù. La terra, invece… nel buco della terra io ci pianto l’olivo…”.
Chissà, forse fu proprio questa saggia spiegazione a chiarire le idee a Ezio tanto che, in quell’anno, con la moglie Silvana, prese la decisione di lasciare l’attività di albergatore sulla riviera ligure e di tornare in Maremma. È così che comprano il podere “La Banditaccia” (dalle parti di Magliano in Toscana), per piantarci la vigna. Una vera scommessa per il futuro.
La forza di volontà che li aveva accompagnati anche nell’attività ligure era più viva che mai e, con lei, era tornata anche la grande la vecchia passione per il vino. Sì, perché, i “vecchi” Mantellassi, originari del pistoiese, erano stati sempre dediti all’attività di potini e di innestini, oltre che gestori di una piccola trattoria. Producevano anche un po’ di vino, destinato per lo più alla famiglia e agli amici.
Il ritorno di Ezio in Maremma segnò un periodo di grande lavoro, di fatica, di sacrifici “Quando sono venuta qua – racconta la signora Silvana –, non era mica così. C’era la casa vecchia, non c’era né la luce né l’acqua in casa e a dormire si andava con la candela… Io avevo sposato l’albergatore, mica il campagnolo, ma mio marito ha saputo coinvolgermi in tutto”.

L’AZIENDA OGGI

Oggi, Ezio non c’è più ma, a prendere in mano le redini del glorioso passato sono stati i figli, Giuseppe e Aleardo, oltre alla sempreverde mamma Silvana. I primi quattro ettari di vigneto sono diventati ben 215, distribuiti su alcuni dei tanti colli della Fattoria Mantellassi. Tanti i vitigni, dal Sangiovese all’Alicante, al Cabernet, al Sauvignon, al Morellino, al Merlot, alla Malvasia nera, al Ciliegiolo, al Trebbiano toscano, al Vermentino Bianco, all’Ansonica, allo Chardonnay.
A predominare è la coltivazione del Sangiovese, vitigno base del Morellino di Scansano DOCG, etichetta di eccellenza dell’azienda di Magliano in Toscana. Infatti, Fattoria Mantellassi è stata una delle prime aziende della zona a decidere di imbottigliare il Morellino di Scansano e fu anche una di quelle che lottò con grande determinazione per ottenere, nel 1978, il riconoscimento prima della DOC e poi, nel 2007, la riacquisizione della Denominazione di Origine Controllata e Garantita.
I vini, partendo dai rossi, spaziando dal San Giuseppe, al Mentore, da Punton del Sorbo, al Mago di Oz (quest’ultimo, in realtà, si chiama Mago di 03 ed è un vino realizzato senza solfiti aggiunti). Fino ai più corposi e maturi Querciolaia e Le Sentinelle, vini dagli eccellenti caratteri organolettici.
Tra i bianchi, ecco il Lucumone, fresco e fruttato, o il premiatissimo Scalandrino, Vermentino DOC 100% della Maremma Toscana. Il gusto in “rosa”, invece, appartiene a Maestrale, un vino che sprigiona gli aromi di fiori e di frutti di sottobosco.
Per chi ama le bollicine abbiamo il frizzante Oblò vinificato con metodo charmat, 50% Vermentino e 50% Chardonnay. Senza dimenticare il ricercatissimo Alì Alè, un passito nato agli inizi di Fattoria Mantellassi quando furono piantati, oltre all’Alicante e al Morellino, anche due filari di Aleatico (da qui il nome).
Il motto “Labor omnia vincit” che capeggia all’entrata della Fattoria, continua ad essere un monito importante per i fratelli Giuseppe e Aleardo, attuali proprietari. Sono loro a condurre direttamente tutti i settori: vigneti, cantina, commercializzazione, pubbliche relazioni, avvalendosi di uno staff di grande esperienza che, con loro, condivide i valori della tradizione senza tuttavia ignorare l’innovazione e le tecnologie più sofisticate che permettono loro di portare nel mondo l’alta qualità del made in Italy.
Era il 1960. Sessantuno anni sono passati e il 2020 era atteso come un anno di festa, ricco di eventi, di novità, di idee in movimento.
Il Covid ha dato uno stop, anche se sono state organizzate degustazioni in sicurezza che hanno, ancora una volta, riempito il bicchiere con le eccellenze di Fattoria Mantellassi.
Momenti di prestigio, come, ad esempio, la sfilata al Don Lisander durante la settimana milanese della moda o la partecipazione alla Wine Week.
Ma, appunto, solo uno stop perché, in fondo, i “60” rimangono un grande traguardo e, dunque, non solo la storia ma anche la festa continua…

IL LIBRO CELEBRATIVO

Ed a proposito di festa che continua ecco che quest’anno arriva un libro celebrativo dal titoloLa scommessa del Morellino scritto da Andrea Zanfi, il famoso scrittore, esperto in enogastronomia, per celebrare appunto i 60 anni di attività di Fattoria Mantellassi. No, non si tratta di un semplice libro che parla di dati, di vitigni, di aromi, di marketing… è molto di più. È un viaggio che vince un’altra scommessa: quella di appassionare non solo gli intenditori di vino ma anche tutta quella parte di pubblico che ama scoprire cosa c’è “dietro le quinte” di un prodotto. E, in queste pagine, il coinvolgimento è ricco di emozioni, di vita vissuta, di traguardi raggiunti con grandi sacrifici, con tanta voglia di lavorare.
Una storia di famiglia tra le tante che, negli anni ‘60, si davano da fare per ricostruire un paese segnato dalla guerra, per aiutarlo a crescere. Nonostante siano stati definiti gli anni del “boom economico”, le opportunità per l’agricoltura erano poche e le imprese famigliari che se ne occupavano non navigavano certo nell’oro. Ezio, il fondatore di quella che negli anni sarebbe diventata Fattoria Mantellassi, aveva però una grande passione: la terra. Quella terra di Maremma in cui tornava ogni anno dalla Liguria, dove svolgeva un’attività alberghiera, e che gli fece tornare la voglia di farla diventare rigogliosa e forte. Ed è proprio da qui che parte “la scommessa”, fatta di fatica e di rinunce ma così ricca di passione che oggi, con la conduzione dei figli Aleardo e Giuseppe, ha fatto di Fattoria Mantellassi un leader internazionale tra coloro che producono il Morellino D.O.C.G.
“Labor omnia vincit”, aveva fatto scrivere Ezio all’entrata della Fattoria, e loro, da veri figli d’arte, quel lavoro continuano a farlo con la stessa passione del padre, guardando al futuro con grinta e determinazione, eredi di una tradizione che non hanno mai tradito.
Info: www.fattoriamantellassi.it

Se desideri far pubblicare un articolo su Maremma Magazine, in rete e sui social, dedicato alla tua attività o ai tuoi eventi, facendola conoscere a un vasto pubblico, contattaci QUI!