Inaugurata a Saturnia la mostra “Pietro Aldi e la Sala del Risorgimento...

Inaugurata a Saturnia la mostra “Pietro Aldi e la Sala del Risorgimento a Siena”

1126
0
CONDIVIDI

Un folto pubblico ha fatto da cornice, il 14 aprile scorso, all’inaugurazione della mostra “Pietro Aldi e la Sala del Risorgimento a Siena”, allestita presso il Polo Culturale Pietro Aldi a Saturnia (Manciano) dedicata all’opera più celebre e impegnativa realizzata dall’artista nella sua breve vita, ossia i due grandi dipinti murali elaborati fra il 1885 ed il 1886 nella Sala del Risorgimento a Siena

Taglio del nastro il 14 aprile scorso per la mostra Pietro Aldi e la Sala del Risorgimento a Siena allestita per iniziativa del Polo Culturale Pietro Aldi presso la propria sede a Saturnia (nel territorio del comune di Manciano), nei nuovi ambienti espositivi realizzati al piano seminterrato del complesso: un luogo ricco di cultura che, negli anni, si sta affermando come significativo spazio propositivo per iniziative artistiche e didattiche (anche grazie alla Biblioteca delle Muse, di cui abbiamo parlato nel numero scorso) a dimostrazione dell’importante crescita di questa realtà territoriale sempre più attiva sul territorio…

La mostra, inaugurata in questi ambienti, riacquistati dalla Banca TEMA all’uso della cittadinanza, è dedicata all’opera più celebre e impegnativa realizzata da Pietro Aldi nella sua breve vita, ossia i due grandi dipinti murali elaborati fra il 1885 ed il 1886 nella Sala del Risorgimento a Siena.
All’indomani della scomparsa di Vittorio Emanuele II, infatti, la Giunta Comunale Senese deliberò di realizzare una nuova grande Sala all’interno del Palazzo Pubblico per rendere omaggio al primo Re dell’Italia unita e, superate le iniziali difficoltà di riadattamento dei vani, il progetto della decorazione pittorica fu affidato ad una Commissione guidata da Luigi Mussini già direttore dell’Istituto di Belle Arti. Egli elaborò un progetto iconografico finalizzato a mostrare la grandezza raggiunta dalla moderna scuola artistica senese, da lui stesso guidata: mentre nella volta i dipinti allegorici dovevano celebrare idealmente il percorso storico del Risorgimento italiano, sulle pareti Amos Cassioli, Cesare Maccari e Pietro Aldi, con intento realistico, avrebbero raffigurato alcune pagine centrali di questo cammino.
A Pietro Aldi furono assegnate due scene: l’incontro di Vittorio Emanuele, Re da un giorno, con il Maresciallo Radetsky nella cascina di Vignale, all’indomani della sconfitta di Novara, per firmare l’armistizio che avrebbe stabilito la fine della prima Guerra d’Indipendenza; l’altro episodio fu l’incontro del Re con Giuseppe Garibaldi a Teano, a conclusione dell’impresa dei Mille…

Per saperne di più #MaremmaMagazine di maggio ti aspetta in edicola e on line; puoi leggerlo anche da pc, tablet e smartphone QUI

Fa da contorno all’esposizione la mostra fotografica “RI-GENERAZIONI” di Michele Pompily. La mostra fotografica è visitabile all’interno della Pinacoteca che espone in maniera permanente tutte le opere di Pietro Aldi di proprietà di Banca TEMA – Terre Etrusche e di Maremma Credito Cooperativo S.C.