Il Monte Amiata, un viaggio tra culture antiche, tradizioni e riti del...

Il Monte Amiata, un viaggio tra culture antiche, tradizioni e riti del fuoco

297
0
CONDIVIDI

Da Castel del Piano a Castell’Azzara, passando per Seggiano, Arcidosso, Santa Fiora. Viaggio alla scoperta del versante grossetano del Monte Amiata, autentica icona di bellezza intatta, meta del nostro consueto itinerario del mese. Tante le storie da scoprire, le perle da ammirare, i luoghi da vedere. Non ci credete? Provate a leggere questo articolo…

****

DI GIADA RUSTICI

Il Monte Amiata, maestoso custode della Maremma Toscana, si erge come un’icona di bellezza intatta, intrecciando armoniosamente la sua natura rigogliosa con tradizioni ricche di storia e autenticità. È una tela che si dipinge di diverse sfumature con il mutare delle stagioni, ma è in questa, a metà tra l’autunno e l’inverno, che offre il meglio di sé: i boschi si trasformano in una tavolozza di colori caldi, che, a poco a poco, con l’arrivo dell’inverno, si lascia ricoprire da una veste bianca, regalando esperienze uniche.

La stazione sciistica

Gli amanti degli sport invernali infatti potranno godere di un comprensorio sciistico, incastonato nella faggeta più estesa d’Europa, che offre 10 km di Piste da Sci Alpino con 8 impianti di risalita usufruibili attraverso lo Skipass Amiata e 10,5 km di piste da Sci Nordico di cui la metà sono costantemente battute. Oltre a ciò, qui sono presenti anche piste da fondo, uno Snow Park, per chi ama lo snowboard e le acrobazie, e sentieri per godere di stupende escursioni con le ciaspole, sia in diurna che in notturna, immersi nella natura incontaminata, ammirando boschi fitti e rigogliosi ed intricanti grotte.

I borghi

Scoprire l’Amiata, significa scoprire i paesi per connettersi con la storia, la cultura e le persone. È per queste ragioni che il nostro viaggio alla scoperta delle bellezze del Monte Amiata parte da Castel del Piano

Queste piccole realtà si propongono come una cornice che fa da sfondo a un ricco calendario di eventi: l’arrivo del periodo invernale infatti profuma qua di una tradizione che celebra antichi rito del fuoco, come la Focarazza di Santa Caterina (Roccalbegna) o le Fiaccole di Santa Fiora di scena ogni anno il 30 dicembre…

Se vuoi leggere l’articolo completo, pieno di suggerimenti per un magnifico tour sull’Amiata, lo trovi pubblicato sul numero di dicembre 2023 di Maremma Magazine (alle pagine 52-60), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI