Il Maggio di Civitella, un canto antico che ha… resistito anche al...

Il Maggio di Civitella, un canto antico che ha… resistito anche al Covid

60
0
CONDIVIDI
Gianfranco Franceschini dei cantori offre un ramoscello di alloro alla sindaca Alessandra Biondi (2020)

Il testo del Maggio di Civitella Marittima che viene cantato la sera tra il 30 aprile ed 1° di maggio, è uno dei più antichi in assoluto in Toscana: si è tramandato oralmente ed è rimasto invariato da circa tre secoli. Traendo spunto dal libro “Il Canto del Maggio” di Giampaolo Franceschini (la cui seconda edizione, notevolmente ampliata rispetto alla prima del 2016, oggi esaurita, è attualmente in attesa di ristampa) approfondiamo questo rito che ha resistito, sia pure, con modalità rivisitate, anche al Covid

****

La cerimonia

Come gli altri maggi maremmani, i cosiddetti “maggi vecchi” ed i “maggi allegri”, anche il Maggio di Civitella è itinerante e di questua, ma presenta alcune differenze evidenti e significative.
Non ha il corbellaio, solo chi porta un più semplice paniere, e nemmeno l’alberaio perché tutti i componenti della squadra portano con sé un ramoscello di alloro dal quale vengono staccati dei rametti e consegnati in segno di buonaugurio alle famiglie visitate.
Un’altra differenza, questa rispetto ai maggi vecchi, è l’assenza di poeti e improvvisatori in ottava rima; questo però non esclude che non ci siano stati in un lontano passato (si ricordi che è proprio di Civitella uno dei più grandi poeti di oggi: Mauro Chechi).
Ciò che più colpisce e identifica il Maggio di Civitella è l’antico e solenne canto polifonico senza strumenti musicali a supporto (altra differenza) e la mancanza di particolari travestimenti o abbellimenti (le divise non sono mai state ritenute necessarie per una cerimonia che viene vissuta dalla comunità come momento di unione). Diciamo che la differenza più significativa fra il Maggio di Civitella e gli altri sta nell’atmosfera: qui si partecipa sinceramente e in vario modo ad una cerimonia collettiva che non prevede esibizioni di qualità e abilità personali magari sottolineate da applausi. Non a caso tutto comincia la sera del 30 aprile alle ore 20 con il suggestivo canto al cimitero in omaggio ai defunti.
E non ci sono mai stati turisti al seguito. La ragione è evidente: le tradizioni autentiche sono vissute con semplicità dai partecipanti…

Una perfetta sintesi dei semplici elementi che caratterizzano il Maggio di Civitella (il ramoscello d’alloro, il paniere, gli abiti di tutti i giorni dei Cantori, la casa visitata) è eccezionalmente e precisamente rappresentata in una miniatura di tanti secoli fa, rintracciata per caso e con sorpresa. Opera del pittore Sano di Pietro (anno 1460 circa) rappresenta il mese di maggio e si trova nella Biblioteca Comunale di Siena a c.3r del codice X.IV.2., il Codice delle Monache…

In arrivo un sito sul Canto del Maggio

In un articolo a firma di Corrado Barontini e Gianfranco Franceschini che commentava la “Prima giornata nazionale del folklore e delle tradizioni popolari” celebrata a Civitella il 26 ottobre 2019 si invitavano gli Enti pubblici del territorio a realizzare un “Archivio documentale” su questo argomento a partire da Civitella Marittima “dove ci sono tutte le condizioni per attuare uno spazio di raccolta dei materiali su questo tema”.

“Il risultato non poteva che essere un meraviglioso contenitore del nostro Maggio nelle sue varie sfaccettature e che nei fatti raccoglie anche l’invito del fratello Giampaolo, per non dire la sua fissazione, ad allestire a Civitella un Museo del Maggio Lirico. Il sito è una vera risposta, pratica ed immediata, al bisogno di protezione che anche la nostra antica tradizione manifesta, un facile strumento per le nostre scuole e che, fra l’altro, del progetto-museo ne costituisce già la parte più importante”…

La ultracentenaria Iura nel 2019 a 105 anni coi cantori del Maggio di Civitella M.ma

 

Se vuoi leggere l’articolo completo, lo trovi pubblicato sul numero di giugno 2021 di Maremma Magazine (alle pagine 46-49), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI