“Corrado Banchi fotografo”, la storia di un personaggio straordinario in un libro...

“Corrado Banchi fotografo”, la storia di un personaggio straordinario in un libro a cura di Carlo Bonazza

85
0
CONDIVIDI
Nella foto di Corrado Banchi la storica rovesciata di Carlo Parola, Firenze, 15 gennaio 1950

Corrado Banchi è stato davvero un personaggio straordinario. Un fotografo che con i suoi scatti ha saputo immortalare e tramandare ai posteri – e per sempre – la nostra terra. Su di lui e sulla sua opera è stato pubblicato recentemente il libro “Corrado Banchi Fotografo” a cura di Carlo Bonazza per Photoedizioni che racconta la sua vita e mostra le sue fotografie

****

DI CORRADO BARONTINI

Una storica rovesciata

Nella copertina del settimanale L’Espresso del 20 agosto 2023 è comparsa l’immagine della famosa “rovesciata di Parola” (realizzata graficamente alla maniera della pop arte di Andy Warhol).
Sono andato a vedere se era citato l’autore… ma niente.
Sentendo Carlo Bonazza mi ha risposto: “ormai non serve, è un’icona”.
L’immagine diventa iconica se ha un forte valore simbolico tanto che la foto di Corrado Banchi (scattata il 15 gennaio 1950 durante una partita di calcio a Firenze) ha finito per entrare nella raccolta delle “figurine Panini” dove fra le immagini dei calciatori è stata sicuramente quella più riprodotta al mondo con una tiratura calcolata in 300 milioni di copie e caratterizzata da didascalie tradotte in molte lingue compreso il greco, il giapponese, il cirillico o l’arabo…

Il libro

Ecco ora questo bellissimo volume: “Corrado Banchi fotografo”, curato da Carlo Bonazza, che ci parla di un personaggio assolutamente straordinario.
La presentazione del volume è di Alessandra Casini (direttrice del Parco delle Colline Metallifere) e Roberta Pieraccioli (direttrice della Biblioteca G. Badii di Massa Marittima)…

Obiettivo: salvare la memoria

Lavorare sugli archivi fotografici (come in questo caso) significa “salvare” un patrimonio di immagini che consentono di non perdere la memoria collettiva fatta di eventi o di semplici aspetti della vita comune, che rappresentano, insieme alla storia orale, il “patrimonio immateriale” da conservare, rendere fruibile e consultabile come parte integrante di una comunità.
Non è affatto un’azione “nostalgica” quella di raccontare il nostro passato attraverso le immagini, si tratta invece di un lavoro “scientifico” che documenta la trasformazione di un territorio come la Maremma e che ne ritrae gli aspetti legati alla vita quotidiana, ai costumi, alle attività lavorative e via dicendo. Così facendo si ricompone un mosaico di testimonianze, immortalate in qualche pellicola, che documentano vicende altrimenti destinate alla dimenticanza…

A sinistra: la liberazione di Massa Marittima, 21 giugno 1944; al centro Corrado Banchi con Carlo Parola nel 1970; a destra la miniera all’Isola del Giglio 1954

L’archivio fotografico di Corrado Banchi, un patrimonio di inestimabile valore

Il progetto portato avanti da Carlo Bonazza e dall’associazione Fotografia e Territorio oltre che sul libro “Corrado Banchi fotografo” ruota attorno alla digitalizzazione dell’intero archivio fotografico di Corrado Banchi e comprende anche la realizzazione di un sito web…

Se vuoi leggere l’articolo completo, lo trovi pubblicato sul numero di marzo 2024 di Maremma Magazine (alle pagine 84-87), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI