Cooperativa la Peschiera: “Ecco come siamo riusciti a resistere e a superare...

Cooperativa la Peschiera: “Ecco come siamo riusciti a resistere e a superare le difficoltà!”

124
0
CONDIVIDI
La presidente della Cooperativa La Peschiera, Daniela De Angelis

Sia pur messa a dura prova dalla situazione emergenziale che stiamo vivendo da ormai quasi due anni, la Cooperativa la Peschiera, azienda multiservizi che opera in diversi campi, è riuscita a superare questo periodo al punto da mantenere in equilibrio la parte economica, finanziaria e patrimoniale dell’azienda. Ne parliamo con la presidente Daniela De Angelis

****

Nata a Santa Fiora sul Monte Amiata nel 1988, duecento dipendenti, 5 milioni di fatturato, 33 anni di esperienza, bilanci positivi e un futuro in espansione.
Questi i numeri della Cooperativa la Peschiera, un’azienda multiservizi, professionale, snella e resiliente al tempo che cambia veloce.
Il settore della cooperazione, come sempre, reagisce agli eventi per l’estremo dinamismo che lo caratterizza e anche La Peschiera grazie a questo è riuscita a superare questo periodo riuscendo a mantenere in equilibrio la parte economica, finanziaria e patrimoniale dell’azienda. Daniela de Angelis, presidente della cooperativa ci racconta questa pagina di storia. Come l’azienda ha vissuto la pandemia?
Nel pieno della pandemia, dopo aver chiuso molti dei servizi erogati, la Peschiera ha iniziato ad affrontare le emergenze. “Così – prosegue Daniela De Angelis – è stato necessario pianificare rotazioni di personale, sopperire alle emergenze, analizzare le posizioni dei lavoratori a rischio per patologie. Non solo: per mantenere un equilibrio tra ricavi e costi indiretti si è reso indispensabile studiare un piano di lavoro per gli impiegati considerando riduzioni di orari per tutti, accesso alla cassa integrazione, smart working dove era possibile, rotazioni in presenza, ferie e permessi”.
La strategia giusta e vincente è arrivata poi dall’attività commerciale e progettuale.
“Ci siamo qualificati sulle piattaforme pubbliche e private su settori nuovi: portierato, vigilanza, pasti veicolati, servizi di trasporto e facchinaggio; abbiamo potenziato il settore delle pulizie facendo le iscrizioni richieste per poter effettuare le sanificazioni; abbiamo partecipato ad appalti anche fuori dal territorio regionale in partnership con altre aziende; abbiamo lavorato su richieste di maggiorazioni contrattuali e sulla proroga dei servizi, abbiamo avviato nuovi iter per acquisire ulteriori Certificazioni. Oggi solo un’azienda aperta che si adatta alle evoluzioni e lavora su obiettivi misurabili e concreti può sopravvivere agli eventi, un’organizzazione snella, dotata di un team formato e consapevole che deve lavorare per progettare servizi nuovi ed erogare servizi nell’immediato che possano dare una risposta ai clienti e alla collettività”…

Se vuoi leggere l’articolo completo, lo trovi pubblicato sul numero di ottobre 2021 di Maremma Magazine (alle pagine 15-18), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI