Tenuta Dodici, quando la vinificazione diventa arte

Tenuta Dodici, quando la vinificazione diventa arte

210
0
CONDIVIDI

Siamo nel cuore della Maremma Toscana in località Grilli nel comune di Gavorrano nella culla della misteriosa civiltà degli Etruschi, i progenitori dell’industria vinicola su questa terra. Ed è qui che nasce Tenuta Dodici, il progetto imprenditoriale nel settore enologico di Konstantin Tuvykin, oggi portato avanti dal figlio Stephan

****

Stephan Tuvykin

Un amore chiamato Maremma

Era il 2008, quando l’imprenditore russo Konstantin Tuvykin, da sempre grande appassionato di vini, acquistò un vecchio podere nel piccolo borgo medioevale di Tatti, sulle Colline Metallifere nella zona di Massa Marittima.
Quasi per gioco iniziò a fare vino che condivideva con amici e familiari. Lentamente prese forma un progetto più definito che finalmente si concretizzò con la nascita di Tenuta Dodici e la costruzione della villa padronale a Tatti.
L’amicizia con il regista russo Nikita Mikhalkov e l’ammirazione per il suo lavoro sono stati d’ispirazione per il nome della cantina e dei vini tratti dalla sua filmografia come, ad esempio, il Merlot in purezza che si chiama Oci Ciornie dal capolavoro con Marcello Mastroianni.
L’amore di Konstantin Tuvykin per queste terre punteggiate da piccoli borghi medievali e tracce Etrusche, dove la dolcezza dei rilievi si mescola ad una natura spesso indomita, caratterizzata dal verde profondo della macchia mediterranea, dei querceti e castagneti si è trasmessa da subito al figlio Stephan a tal punto da convincerlo a frequentare la prestigiosa Slow Food University a Pollenzo per trasferirsi poi definitivamente in Maremma e gestire l’azienda.
“È stato mio padre – racconta Stephan – ad instillare in me l’amore per la vinificazione che poi ho fatto crescere e coltivato grazie agli studi. La bellezza del paesaggio e dei vigneti di Tenuta Dodici ancora oggi mi colpisce; mi piace guardare il variare delle stagioni nei cambiamenti delle viti e assaporare il ritmo lento della natura”.

Il team di Tenuta Dodici

Il team

Accanto a lui, punto di riferimento e di confronto, c’è Angelo Migliori, collaboratore, enologo, esperto di viticoltura e profondo conoscitore della terra di Maremma che segue l’impostazione derivata dalla consulenza di Riccardo Cotarella, uno degli enologi più autorevoli del panorama non solo nazionale e presidente mondiale di Assoenologi. Stephan ha trovato in Angelo il supporto giusto per portare avanti la sua idea di viticoltura fondata sull’esperienza senza tralasciare lo studio, le conoscenze e le nuove tecnologie. Soprattutto sono entrambi profondamente consapevoli di trovarsi di fronte un territorio dalle grandi potenzialità la cui espressione deve essere preservata nel calice.
“La Maremma – puntualizza Stephan – è una di quelle terre che resta nel cuore per la sua bellezza autentica, ruvida e concreta. All’inizio avevamo solo 2 ettari di vigneti e una piccola azienda vinicola, mentre ora stiamo lavorando su 13 ettari, con maggiore qualità. La Maremma è una delle denominazioni in rapido sviluppo, che in un periodo relativamente breve è diventata meta di riferimento per gli amanti del vino e che ha ancora tanto da raccontare”.

Una cantina che rispetta il paesaggio

Il progetto di Tenuta Dodici si è dunque andato affinando acquisendo una fisionomia sempre più delineata a partire dal suo fulcro logistico rappresentato dalla cantina.
Iniziata nel 2014, costruita sulla pendice sud-orientale di un piccolo rilievo naturale denominato Poggio Gobbo in località Grilli nel Comune di Gavorrano, l’edificio insiste su un appezzamento dove dimorano 8 ha di vigneto che si sono aggiunti ai 5 iniziali per un totale di 13 ha vitati.
Punto strategico soprattutto per l’enoturismo, Poggio Gobbo sorge su un territorio di grande interesse naturalistico e storico, in posizione pressoché equidistante tra due antichi borghi medioevali: Giuncarico e l’etrusca Vetulonia.
La struttura della cantina, incastonata in uno dei numerosi poggi tipici della Maremma, si presenta nelle linee pulite, semplici ed essenziali come una rivisitazione moderna di un annesso agricolo unendo il massimo di funzionalità all’integrazione con il paesaggio circostante. Gli spazi adibiti alla zona di produzione sono infatti distribuiti su un piano interrato sfruttando la straordinaria coibentazione naturale che permette di avere temperatura e umidità costanti durante tutto l’anno, condizioni imprescindibili per la qualità e la conservazione dei vini.

Terroir

In vigna la scelta dei vitigni è ricaduta in parte su quelli storici della Maremma come il Cilegiolo, Sangiovese e Vermentino, in parte sui vitigni migranti come Merlot, Cabernet Sauvignon, Syrah, Sauvignon Blanc e Viognier.
La distribuzione sui due appezzamenti di terreno è stata dettata principalmente dalla differenza di altitudine. Dal punto di vista pedologico, infatti, le due zone non mostrano particolari difformità. La base pedogenetica dei terreni su cui sono stati impiantati i vigneti è costituita da un complesso di argille calcaree del cretaceo inferiore che insieme ad una forte presenza di scheletro e scisti di galestro, determinano precocità di accumulo zuccherino nelle uve.
A giocare un ruolo fondamentale è invece la quota. A Tatti dove il vigneto è ad un’altitudine maggiore dimorano Sangiovese, Cabernet, Merlot e alcuni filari misti di Alicante, Syrah e Cabernet Franc che vengono utilizzati per conferire più freschezza. Nei vigneti di Poggio Gobbo ci sono da una parte Viognier, Cabernet Sauvignon e Sangiovese, dall’altra Merlot, Ciliegiolo, Vermentino e un altro tratto di Viognier. I due versanti del Poggio vengono sfruttati per la diversa esposizione; dalla parte che prende meno sole la maturazione è molto più lenta. L’intensa vegetazione boschiva, con la sua azione mitigatrice, insieme all’altitudine e alla natura del suolo, concorrono a creare condizioni vini di pregevoli qualità organolettiche.

In vigna

“La viticoltura – sottolinea Stephan – è seguita con grande attenzione. Soprattutto dedichiamo molta cura alla fase della potatura. Il valore del terroir per trovare espressione ha bisogno dell’esperienza e del lavoro dell’uomo. Ha bisogno di quel filo di relazioni e saperi tramandati che si intessono con gli studi più aggiornati. In vigna si sta gradatamente passando dal cordone speronato al guyot e si applica il Metodo Simonit&Sirch che riprende tecniche tradizionali aggiornandole alle nuove conoscenze in fatto di anatomia e fisiologia delle piante della vite. Nel rispetto delle piante e dell’ambiente si è scelto di intervenire il meno possibile e di applicare la lotta integrata agendo soprattutto con metodi mutuati dal biologico come l’utilizzo di insetti antagonisti o generando confusione sessuale”.
“Siamo sempre interessati a sperimentare per capire meglio il comportamento delle nostre uve. È in questo modo che abbiamo creato uno spumante utilizzando la tecnologia classica, cioè con fermentazione secondaria in bottiglia, dalla varietà Vermentino e Ciliegiolo. Quest’anno – conclude Stephan – tutti i nostri ospiti possono degustare il nostro Ciliegiolo ancestrale ‘Voilà’”.

La gamma dei vini, di tutti i tipi e per tutti i gusti

Tenuta Dodici propone una vasta gamma di vini che va dal Merlot di Ocie Ciornie al Vermentino Dodici, a Urga blend di Sangiovese e Cabernet al Sauvignon di Colpo di Sole al Rosato di Ciliegiolo e Sangiovese, vini tutti da scoprire direttamente in cantina, dove è possibile prenotare una degustazione, in Maremma, o nei principali ristoranti delle grandi città.
La lista delle diverse etichette nel dettaglio comprende:
• Vermentino Voilà Ancestrale;
• Ciliegiolo Voilà Ancestrale;
• Dodici I.G.P. Toscana bianco;
• Maremma D.O.C. Vermentino Solo;
• Maremma D.O.C. Viognier Ciak;
• Sauvignon I.G.P. Toscana Colpo di Sole;
• Maremma D.O.C. Rosato Schiava d’Amore;
• Dodici I.G.P. Toscana rosso;
• Maremma D.O.C. Rosso Oci Ciornie;
• Monteregio di Massa Marittima D.O.C. riserva;
• Urga I.G.P. Toscana rosso;
• Taja I.G.T. Toscana passito;
• Dolci Parole I.G.T. Toscana passito;
• Grappa.

Contatti
Loc. Poggio Gobbo, 15/A
Fraz. Grilli – Gavorrano GR, Italia
366 9399594
info@tenutadodici.com
tenutadodici.com

Se desideri far pubblicare un articolo su Maremma Magazine, in rete e sui social, dedicato alla tua attività o ai tuoi eventi, facendola conoscere a un vasto pubblico, contattaci QUI!