Monteverro, un’eccellenza enologica di Maremma che dà lustro a tutto il territorio

Monteverro, un’eccellenza enologica di Maremma che dà lustro a tutto il territorio

112
0
CONDIVIDI

Monteverro è davvero una gran bella realtà enologica maremmana che dà lustro al territorio in cui si inserisce. Siamo nella zona di Capalbio, nella parte più meridionale della Toscana in quella che molti chiamano la Maremma più autentica. Ed è qui che ha preso forma agli inizi degli anni 2000 il progetto del proprietario Georg Weber di produrre vini di eccellenza

****

Incastonata tra le dolci colline della Costa d’Argento, uno sguardo rivolto a Capalbio e uno al mare: questa è l’essenza di Monteverro, cantina gioiello della Toscana del Sud quasi al confine con il Lazio, quella che chi la vive ama definire la Maremma autentica.
Proprio qui si snodano i filari delle vigne, un ricamo a perdita d’occhio che attraversa gli spazi e le stagioni, vede alternarsi iniziative trasversali, che abbracciano, la cultura, la musica e l’arte.
In questa realtà che si racconta attraverso i suoi vini, ma che desidera anche parlare un lessico diverso, trova ragione d’essere il cambiamento grafico messo in atto…

Monteverro

L’azienda nasce agli inizi degli anni 2000 da un’idea visionaria del proprietario Georg Weber, alla ricerca del luogo ideale dove dar vita al suo progetto di produrre vini di eccellenza. La scelta è pressoché già scritta: un amore incondizionato lega Georg alla Toscana, ma la vera intuizione è aver eletto a sua nuova dimora un territorio un po’ al di fuori dei circuiti vinicoli tradizionali. Una terra autentica e naturale, ricca di tradizioni e genuinità.
Un grande lavoro in vigna e scelte attente in cantina si ripetono da ormai parecchie vendemmie per dare vita alle 6 eccellenze di Monteverro: il capofila Monteverro, a base di Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Petit Verdot, il fratello minore Terra di Monteverro dalle stesse uve, uno Chardonnay in purezza e un intrigante Syrah e Grenache chiamato Tinata e due vini di base, Vermentino e Verruzzo. Per un totale di circa 150mila bottiglie prodotte all’anno…

Se vuoi leggere l’articolo completo, lo trovi pubblicato sul numero di maggio 2023 di Maremma Magazine (alle pagine 108-111), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI