Il Pan dei Santi, una tipica specialità nel mese di novembre

Il Pan dei Santi, una tipica specialità nel mese di novembre

35
0
CONDIVIDI

Un pane arricchito di zucchero, noci, uvetta, talvolta fichi secchi, e pepe nero. È il Pan dei Santi o Pan coi Santi o anche Pan dei Morti: sono tante le denominazioni di questa particolare specialità, molto semplice da preparare, diffusa nelle province di Siena e Grosseto, nella ricorrenza di tutti i Santi e dei defunti

****

DI ANDREA RICCHIUTI

Il pane è sempre stato il fulcro della tavola, specie durante le festività: si ritrovano infatti pani tipici pasquali, altri natalizi ed altri ancora per ricorrenze minori, come per la festa di Ognissanti.
Nelle province di Siena e Grosseto, nella ricorrenza di tutti i Santi e dei defunti, è usanza preparare un pane arricchito di zucchero, noci, uvetta, talvolta fichi secchi, e pepe nero. La preparazione è molto semplice; un tempo usando della pasta di riporto, quella avanzata dalla panificazione per intenderci, veniva arricchita con gli ingredienti sopracitati. Come tutte le ricette ci sono delle piccole varianti: alcuni soffriggono le noci nell’olio, altri aggiungono semi di anice, altri ancora nocciole, mandorle tritate e fichi secchi; ci sono anche delle differenze nella forma che può essere come una pagnotta oppure leggermente schiacciato sopra, decorata talvolta con gherigli di noci ed uva passolina.
Per quanto riguarda il nome vi sono diverse declinazioni: pan dei Santi, pan coi Santi ed anche pan dei morti. Il nome deriva anzitutto dal periodo in cui esso viene preparato e consumato; ma anche dal fatto che tutta la frutta secca presente nella pasta sia numerosa come lo sono i Santi (in questo senso infatti si intende pan COI santi)…

Se vuoi leggere l’articolo completo con la ricetta del Pan coi Santi, lo trovi pubblicato sul numero di novembre 2022 di Maremma Magazine (alle pagine 118-19), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI