Chardonnay e Tinata, le due proposte griffate Monteverro per brindare all’estate

Chardonnay e Tinata, le due proposte griffate Monteverro per brindare all’estate

177
0
CONDIVIDI

Un bianco raffinato (Chardonnay) e un rosso morbido (Tinata di Monteverro), con bottiglie numerate e prooftag per l’autenticazione: sono i due vini esclusivi proposti per brindare nelle calde serate estive dall’azienda Monteverro, cinquanta ettari di viti armoniose, adagiate sulle colline intorno a Capalbio, all’estremo sud della Maremma grossetana e toscana

****

Voglia d’estate, di lasciarsi andare, di sognare sotto le stelle, in campagna o in riva al mare? Il “complice” perfetto è un buon calice di vino, per brindare nelle sere afose, alle vacanze, ad un nuovo amore o a ciò che si vuole.
Per l’estate 2023, Monteverro – cantina gioiello di Capalbio, una cinquantina di ettari in perfetta armonia con il territorio, quella Maremma del sud che parla un lessico autentico, diretto e affascinante – propone due sue etichette top.

  • La prima è lo Chardonnay un bianco in terra di rossi capace di soddisfare il desiderio di freschezza e leggerezza, con un occhio di riguardo alla fresca acidità – insolita per i vini toscani – e alla sapidità. Le sfumature oro lo rendono cromaticamente affine ai tramonti estivi, al naso regala intensi profumi di frutta a pasta gialla, al sorso si rivela rotondo e aromatico, con note di pera, frutti bianchi, pompelmo, limone e marzapane: un’etichetta sorprendente che rispecchia appieno i valori della proprietà, l’amore per il territorio e la costante ricerca dell’eccellenza.
  • E per chi preferisce il rosso? Al bando i pregiudizi che escludono i vini rossi nel periodo estivo. Nessuna contraddizione: un buon rosso non può mai essere la scelta sbagliata. Quando in riva al mare, la brezza si alza, quando al menù di pesce si preferisce quello di carne, quando semplicemente al bianco si preferisce il rosso, un’ottima proposta è il Tinata di Monteverro, annata 2019 una carezza al naso e al palato. Raffinato, morbido, un rosso che regala armonie uniche al naso e al palato: 70% Syrah e 30% Grenache, due vitigni internazionali, un mix di vigore – il primo – e freschezza – il secondo –, che qui si vestono dello spirito maremmano e regalano spiccate note aromatiche, ma molto equilibrate. È facile intercettare i tipici aromi di lavanda, rosmarino e timo. È un vino complesso e di grande profondità aromatica, un’assoluta rarità nella produzione vinicola toscana.

Due parole sull’azienda. Monteverro nasce agli inizi degli anni 2000 da un’idea visionaria del proprietario Georg Weber, alla ricerca del luogo ideale dove dar vita al suo progetto di produrre vini di eccellenza…

Se vuoi leggere l’articolo completo, lo trovi pubblicato sul numero di agosto 2023 di Maremma Magazine (alle pagine 128-29), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI