Cantina I Vini di Maremma, quando il futuro è nelle proprie radici...

Cantina I Vini di Maremma, quando il futuro è nelle proprie radici e tradizioni

88
0
CONDIVIDI

Un presente roseo che apre all’ottimismo verso il futuro. È la sintesi dell’attività della Cantina I vini di Maremma con sede in loc. Il Cristo a Marina di Grosseto. Una bella realtà con ben 67 anni di storia, che nell’ultimo periodo ha portato avanti un progetto di restyling della filosofia, dell’immagine e della comunicazione, con risultati importanti

****

Il vino è storia ma soprattutto è cultura, capacità di rinnovarsi ed essere sempre attuali. La pensano così alla Cantina I Vini di Maremma che ha il proprio stabilimento nella storica sede in località Il Cristo, a pochi chilometri da Grosseto, sulla strada che porta a Marina di Grosseto.
Da quasi 70 anni la forza di quest’azienda risiede nel conservare e tramandare il sapere e l’eredità dei primi soci produttori vinicoli, con la consapevolezza che il vero valore è dato proprio dalla storia e dai soci della Cantina, vera anima delle vigne e delle terre di Maremma.

La storia

Tutto ha inizio 12 maggio 1954, quando nasceva la Cantina I Vini di Maremma. Erano gli anni dell’Ente Maremma, che ha segnato in positivo lo sviluppo di questa terra; l’Ente assegnava a chi ne faceva richiesta i classici poderi con scala esterna (la casa al primo piano, la stalla al piano terra e piantagioni di olivi e vigna). Quei poderi oggi sono ville meravigliose.
La Cantina I Vini di Maremma nasce in questo contesto, come risposta alle esigenze degli agricoltori; si struttura come cooperativa e permette ai soci di chiudere la filiera: riceve il prodotto conferito dal socio, lo trasforma e lo commercializza. La Cantina diviene ben presto un punto di riferimento importante e insostituibile essendosi dotata di una struttura efficiente, organizzata e di persone affiatate e fortemente motivate.
Il primo presidente è Barsotti, seguito da Osvaldo Allegro che porta la Cantina al salto di qualità. Dopo Allegro, è il turno di Nello Landi e poi, dal 2018, quello di Massimo Tuccio, alla guida di una cooperativa che ha ormai raggiunto i 230 soci.
È il momento di affrontare le sfide del terzo millennio: il modo di fare vigna è cambiato, la viticoltura si è specializzata ed il percorso evolutivo ha portato a trasformare il vino da tavola in vino doc; il mercato ha nuove esigenze, aspettative alte ed è divenuto estremamente concorrenziale.

La nuova filosofia: attualizzare

Il presidente Massimo Tuccio con l’intero consiglio di amministrazione e a cascata tutti i soci hanno raccolto la sfida dando nuova linfa anche mediatica ai 530 ettari vitati. Massimo Tuccio ci spiega il senso:
“Ci siamo dati il compito di riposizionare in modo corretto la Cantina I Vini di Maremma adottando un modo nuovo di operare, aprendo le porte della struttura ai soci e al territorio in tutte le sue funzioni”.
Entrando nel dettaglio delle scelte adottate: “abbiamo deciso di investire su di noi con l’innovazione dei processi produttivi, abbiamo valorizzato i soci e i dipendenti puntando a far crescere tutti dal punto di vista professionale”.
Nello specifico: “Abbiamo garantito ad ogni socio l’assistenza di un agronomo che lo segue nelle varie fasi di gestione del vigneto”. “Abbiamo realizzato un Pif (Piano Integrato di Filiera), ovvero un progetto condiviso da quattro aziende volto a conseguire per le nostre aziende e i nostri prodotti la certificazione Equalitas (sostenibilità economica, agronomica e sociale), di fatto ottenuta nel 2018. Il processo di attualizzazione della Cantina sta procedendo, nonostante le difficoltà del momento, con nuovi investimenti sulla parte tecnologica e strutturale della struttura”.
Il nuovo logo e il rinnovato punto vendita
Centrale in questo processo di attualizzazione è stato il restyling dell’immagine della Cantina.
Il nuovo logo, in particolare, è molto interessante: pone al centro Le Volte, la classica architettura che identifica la Cantina I Vini di Maremma ed è ben visibile a chiunque transiti lungo la strada di fronte alla sede; all’interno del logo è riportato il vino circondato dai vigneti. Spiega il Presidente: “Abbiamo cambiato il logo e possiamo dire che abbiamo stravolto le etichette dei vini; ogni bottiglia ha un numero e disponendole una accanto all’altra in base alla sequenza numerica, i motivi grafici accostati riproducono il paesaggio collinare maremmano”.
Il 12 maggio 2020 è stato inaugurato anche il rinnovato punto vendita che esiste fin dal 1994 e sta diventando un fiore all’occhiello della struttura.

I nuovi media

Nuova immagine, nuovo modo di comunicare: la cantina entra in rete. Oggi si realizza un altro sogno dei viticoltori: permettere a chiunque di scegliere e acquistare il vino più adatto ad ogni occasione in modo semplice e conveniente, attraverso la cantina online: www.ivinidimaremma.it.
Fra gli altri si possono acquistare vini d’eccellenza, come “Maremma Toscana Ansonica DOC 2020″, la cui annata 2019 ha ottenuto la medaglia di bronzo alla “The Italian Wine Competition” e il “Vermentino Biologico Albarese DOC 2019”, selezionato da Federparchi e Festambiente per la seconda rassegna “Degustazione Nazionale dei Vini, dei Parchi e delle Aree protette”.
Tutti i vini della Cantina, disponibili sull’e-shop ivinidimaremma.it sono attentamente selezionati e degustati direttamente dai produttori, vini autentici e di grande personalità ottenuti dalle uve scaldate al sole della Maremma e trasformate nella sede storica in località “Il Cristo” a Marina di Grosseto.
E poi il nuovo sito aziendale, la presenza massiccia sui social… e la disponibilità ad accogliere tutto il nuovo che arriverà.
In sintesi, per concludere: la sostanza della tradizione, la forma della modernità.
La Cantina continua a fare quello che le riesce meglio: IL BUON VINO!

Se desideri far pubblicare un articolo su Maremma Magazine, in rete e sui social, dedicato alla tua attività o ai tuoi eventi, facendola conoscere a un vasto pubblico, contattaci QUI!