“Premio letterario nazionale Città di Grosseto – Amori sui generis”, successo straordinario...

“Premio letterario nazionale Città di Grosseto – Amori sui generis”, successo straordinario per la seconda edizione

271
0
CONDIVIDI

È andata in archivio con uno straordinario successo la seconda edizione del Premio letterario nazionale Città di Grosseto “Amori sui generis”, organizzato dall’Associazione culturale “Letteratura e dintorni”. Dopo i consensi dello scorso anno, l’iniziativa si è confermata come uno dei concorsi più seguiti a livello nazionale con oltre 750 lavori pervenuti, molti dei quali di noti nomi del panorama letterario italiano

****

Avrebbe dovuto svolgersi il 31 ottobre scorso, al teatro degli Industri di Grosseto, in presenza, la cerimonia di premiazione del “Premio letterario nazionale Città di Grosseto – Amori sui generis” organizzato dall’associazione culturale “Letteratura e dintorni”, presieduta da Dianora Tinti, con il sostegno del Comune di Grosseto, della Biblioteca comunale Chelliana, di Banca Tema e di tantissime altre realtà del territorio. Nell’occasione si sarebbero dovuti consegnare i riconoscimenti ai vincitori delle cinque sezioni del concorso, giunto alla sua seconda edizione, oltre che tre “Premi alla carriera” a personalità che si sono distinte in vari campi professionali e culturali come Celestino Sellaroli, giornalista e direttore della rivista “Maremma magazine”, Priscilla Occhipinti imprenditrice “Grappe Nannoni” da sempre impegnata anche sul piano culturale e, Mirella Serri, docente di letteratura moderna e contemporanea, collaboratrice de La Stampa, volto noto di Rai Storia e Rai cultura.
Purtroppo, a causa dell’emergenza Covid la cerimonia in presenza è saltata e così i vincitori sempre il 31 ottobre sono stati annunciati in una diretta Facebook condotta dalla giornalista Francesca Ciardiello, dalla pagina omonima “Premio Città di Grosseto – Amori sui Generis”…

I VINCITORI

  • Nella sezione “Libro edito” (narrativa/racconti) primo classificato Franco Forte e Scilla Bonfiglioli con: “La bambina e il nazista”.
  • Nella sezione “Libro inedito” (narrativa/ racconti) sul podio più alto Giulia Malinverno Ricceri con “Dentro la vita (Scusa sciur padrun)”.
  • Per la sezione “Libro edito di poesia” primo posto per Maria Rosaria Franco con: “La rosa e l’alba”.
  • Nella sezione “Poesia singola” (edita o inedita) primo posto per Fannina Scipione con: “Colmo è il cuore”.
  • Infine, nella sezione “Racconto” (edito o inedito), intitolata alla memoria dello scrittore Carlo Fruttero, primo posto per Daniele Laura con: “Se son rose pungeranno”.

Se vuoi leggere l’articolo completo, con gli interventi dei protagonisti e i nomi di tutti i finalisti del Premio letterario, lo trovi pubblicato sul numero di dicembre 2020 di Maremma Magazine (alle pagine 44-47), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI