Pierandrea Vanni, quando fare il sindaco va oltre l’impegno e diventa passione...

Pierandrea Vanni, quando fare il sindaco va oltre l’impegno e diventa passione e dedizione. A Sorano

226
0
CONDIVIDI

Fare il sindaco di un piccolo paese di provincia è un’attività, anzi un vero e proprio lavoro, oggi sempre più totalizzante, che può essere svolto in tanti modi. Tra i modi più alti e nobili di calarsi in questa carica elettiva c’è quello scelto da Pierandrea Vanni, primo cittadino del comune di Sorano che ci sta mettendo passione, impegno e soprattutto il cuore, come si percepisce in questa intervista a tutto campo in cui parla a 360° della sua terra, delle difficoltà del recente passato, del presente e delle prospettive future…

****

DI RENZO VATTI

A Sorano finalmente è tornata la fiducia e si ricomincia a correre per il rilancio economico e turistico. Per fare il punto sulla situazione anche in prospettiva futura abbiamo incontrato il sindaco Pierandrea Vanni con il quale abbiamo fatto una chiacchierata a tutto campo toccando vari temi…

…E con il dopo covid che cosa deve cambiare nella sanità maremmana?
Intanto, non siamo ancora nel dopo covid e l’emergenza continua. Occorrerà ripensare l’attuale organizzazione ospedaliera e quella territoriale che del resto ha dimostrato le maggiori carenze e che non può rimanere in questo stato. Ci sono molti nodi da sciogliere e non certo da oggi. Per esempio: una volta per tutte quale deve essere il ruolo dell’ospedale di Pitigliano? … Occorre che abbia un suo ruolo stabile che lo caratterizzi, che lo integri a pieno titolo nel sistema ospedaliero della provincia e dell’Asl sud est e che gli faccia svolgere compiti rispondenti alle esigenze del territorio. Sono anni che lo chiedo, lo chiediamo, con ben magri risultati.

Lei ha detto recentemente che l’emergenza economica è quasi peggiore dell’emergenza sanitaria. Può sembrare paradossale, ma è così.
Per zone come le nostre con un tessuto economico già fragile, legato molto alla stagionalità e ad un turismo culturale e ambientale il colpo è stato durissimo. Gli operatori si sono rimessi in moto, la ripartenza c’è, ma ci vorrà del tempo per tornare almeno ai livelli pre-covid.

Se vuoi leggere l’intervista completa, la trovi pubblicata sul numero di agosto 2020 di Maremma Magazine (alle pagine 52-55), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI