La storia dei Grifoni d’Oro raccolta in un libro curato da Carini...

La storia dei Grifoni d’Oro raccolta in un libro curato da Carini e Marzocchi

87
0
CONDIVIDI

Si intitola “La storia dei Grifoni” ed è il libro, curato da Umberto Carini e Rossano Marzocchi, per i tipi di Innocenti Editore, che ripercorre gli ultimi sessant’anni del massimo premio cittadino “Grifone d’Oro”.

È stato presentato lo scorso 5 agosto, in una chiostra della Proloco grossetana gremitissima, il libro “La storia dei Grifoni”, che ripercorre gli ultimi sessant’anni del massimo premio cittadino “Grifone d’Oro”, istituito nel 1958 dalla Proloco di Grosseto per rendere merito a quelle persone, associazioni, enti o imprese che si sono distinte nella nostra zona o ad essa hanno dato lustro al di là dei confini locali.
Il volume è stato scritto dal presidente della Proloco di Grosseto, Umberto Carini, e dal giornalista e membro del consiglio direttivo dell’Associazione Rossano Marzocchi, che insieme hanno composto i tasselli di oltre mezzo secolo di storia del prestigioso riconoscimento cittadino e, al tempo stesso, di un importante scorcio di storia locale.

Sfogliare le pagine de “La Storia dei Grifoni” vuol dire ripercorrere la nostra storia locale, a partire dal 1958, quando il premio venne assegnato a Ferdinando Innocenti, l’inventore degli omonimi tubi e della Lambretta, che aveva fatto un’importante donazione alla città di Grosseto per la costruzione dell’ospedale cittadino, passando per gli scrittori Carlo Cassola e Luciano Bianciardi, che hanno raccontato singolarmente e insieme pagine importanti della nostra terra (si pensi ai minatori di Ribolla), non dimenticando il poeta Mario Luzi, considerato uno dei massimi poeti contemporanei legato alla Maremma e in particolare a Semproniano, e poi Piero Fanti studioso di fama internazionale per i meriti conseguiti nel settore dell’elettronica e delle comunicazioni spaziali, fino alla campionessa di windsurf Alessandra Sensini, giungendo, quest’anno, al pianista e maestro Antonio Di Cristofano, a cui è stato consegnato il “Grifone d’Oro”, come consuetudine, nell’ambito dei festeggiamenti cittadini per la notte di San Lorenzo…

Se vuoi leggere l’articolo completo pubblicato sul numero di novembre 2018 di Maremma Magazine, alle pagine 74-75, acquista la tua copia cartacea in edicola oppure la versione digitale, on line! Clicca QUI