Fattoria Le Spighe, un luogo magico che arde e trasmette relax, serenità...

Fattoria Le Spighe, un luogo magico che arde e trasmette relax, serenità e passione

183
0
CONDIVIDI

Fattoria Le Spighe è un’azienda agrituristica e vitivinicola particolare situata nella campagna maremmana tra Albinia e Fonteblanda (Orbetello) ed è una gran bella realtà che riflette in toto il carattere, l’entusiasmo e la passione di chi la cura in tutti i suoi variegati aspetti ovvero Giancarlo Francia, un vulcano di simpatia, positività e buon umore…

****
DI PAOLO MASTRACCA

Se trovate un luogo dove i sapori e i valori di un tempo non sono slogan vuoti, ma hanno la capacità di farti riscoprire ciò che abbiamo dimenticato, vuol dire che siete arrivati alla Fattorie Le Spighe. Ben presto vi renderete conto che in questo luogo magico il tempo sembra essersi fermato anche per il rapporto umano con cui Giancarlo saprà accogliervi e coccolarvi.
Giancarlo è il titolare della Fattoria Le Spighe, ed è una persona che coniuga varie passioni tra cui il bel mix tra l’amore per la propria terra e la grande professionalità acquisita in trenta anni di lavoro nel mondo della ristorazione.
Da poco Giancarlo Francia ha fatto la scelta di dedicarsi completamente alla sua azienda, ponendosi come principale obiettivo quello di fare in modo che gli ospiti rimangano meravigliati, sorpresi e invogliati a tornare in questa dimensione dove soltanto Giancarlo è in grado di trasportare. Allora facciamolo anche noi di Maremma Magazine questo viaggio, con la certezza che dopo avere letto questo articolo sarà pressoché impossibile non sperimentare almeno per una volta cosa si prova ad essere ospiti della Fattoria Le Spighe.

La location

La location è da incanto. L’agriturismo Le Spighe si trova a soli 5 minuti da Talamone e dal Parco della Maremma sulla strada provinciale 81 che collega Magliano in Toscana alla spiaggia dell’Osa.
Le Spighe è una delle tre strutture che ha stipulato la convenzione con il comune di Orbetello per celebrare i matrimoni con rito civile e tale location si presta moltissimo per queste cerimonie per la varietà degli spazi che possiede con piscina, giardino adiacente al
chiosco per la ristorazione e il meraviglioso orto in cui Giancarlo delizia i propri ospiti, compresi coloro che pur non pernottando vogliono concedersi un momento indimenticabile e ricco di magia dove il filo conduttore è quello di stuzzicare la fantasia.

Ospitalità e Ristorazione: un binomio vincente

I piatti sono a base di prodotti aziendali, quindi autenticamente a chilometro zero, e ciò è possibile grazie alla scelta effettuata da Giancarlo di produrre in proprio verdure e ortaggi, in particolare legumi come lenticchia nera, lenticchia rossa, cece bianco, cece nero di Maremma. Da quest’anno la produzione di legumi è stata integrata dai fagioli, in particolare è stato seminato il fagiolo del purgatorio, oltre ad altre tipologie come il fagiolo zolfino e il fagiolo risina. Queste produzioni sono mirate al consumo interno per la ristorazione.
In azienda si allevano anche polli, anatre, coniglio, faraona e anche in questo caso l’obiettivo è quello di far riscoprire i sapori veri e autentici riproponendo antiche ricette della tradizione contadina toscana dove la materia prima fa la differenza.
Ciò che non viene prodotto in “casa” Giancarlo lo reperisce dalle aziende del territorio qualitativamente eccelse ed è lo stesso Giancarlo che sceglie i salumi e i formaggi presso strutture che sono in sintonia con la filosofia dell’agriturismo Le Spighe. Gli obiettivi di tale filosofia sono svariati. Giancarlo ne riassume uno: “Il cliente deve sentirsi come a casa propria. Abbiamo a disposizione 9 unità abitative e 18 posti letto. Le camere sono sobrie, ma non mancano servizi come l’aria condizionata, il riscaldamento e wifi. Al cliente viene offerta una ricca colazione servita a bordo piscina per un risveglio speciale in un luogo insolito: crostate con confetture, ciambelloni, frutta, muffin, brioches, sono tutti di nostra produzione”.

La cena nell’orto

È evidente che Giancarlo Francia punta sul binomio ospitalità-ristorazione e per tale motivo ha trasformato l’orto da luogo di produzione degli ortaggi in una location da far vivere ai propri ospiti con i piatti da lui preparati con prodotti aziendali.
Le soluzioni per cenare all’agriturismo Le Spighe sono molteplici e adatte a tutti i gusti, ma giusto per dare un’idea elenchiamo un antipasto tipico dove l’aperitivo servito nell’orto viene proposto in abbinamento alle verdure di stagione in tempura, una frittura che risalta il gusto della verdura rendendola più appetitosa e leggera, sicuramente molto più apprezzata.
Dopo questo speciale benvenuto gli ospiti sono invitati a spostarsi nell’area buffet dove Giancarlo propone fantasie di verdure, preparate in svariati modi, accostamenti a volte apparentemente azzardati, ma che in realtà, all’assaggio, sono una perla nell’unione di gusti.
Poi il menù propone soluzioni svariate dove non mancano zuppe del territorio e vellutate. In particolare è molto apprezzata la tipica pappa al pomodoro, legata ancor di più al territorio grazie all’abbinamento di anguilla sfumata e bottarga di Orbetello. Per i fini intenditori non possono mancare la zuppa di ricotta e spinaci, le vellutate di cece nero con stracciatella di bufala, di legumi, lenticchie, fagioli e patate impreziosite dalla sua personalizzazione con polpo di scoglio locale spadellato, gamberi rossi dell’Argentario e guanciale di cinta senese. Giancarlo spiega che il concetto è quello di “proporre piatti che stimolino la curiosità e che abbiano la peculiarità di essere preparati con materia prima di grande qualità”.
Altre delizie proposte da Giancarlo sono la pappa al pomodoro con scaglie di pecorino e pure piatti particolari e sfiziosi arricchiti anche con pesce fresco pescato poco prima in mare. Giancarlo Francia ci illustra anche alcune particolarità che potremmo definire in maniera simpatica stranezze con abbinamenti che esaltano i prodotti locali: “formaggi di capra con cocomero, erborinati in abbinamento con fichi freschi ma pure con chicchi d’uva”.
Se non siete già sufficientemente sorpresi vi stupiremo ulteriormente dicendo che pure la pasta è di propria produzione: è fatta in casa anche con farina di grani antichi, quindi povera di glutine e senza sostanze nocive.
Tutto ciò testimonia l’attaccamento di Giancarlo al territorio e la sensibilità a utilizzare esclusivamente prodotti idonei anche al benessere fisico.
Il cliente dell’agriturismo Le Spighe avrà a disposizione una ampia scelta ed a specifica richiesta potrà avere un menù personalizzato. Giancarlo è una persona che ha saputo guadagnarsi nel tempo una fiducia incondizionata ed è un piacere e una meravigliosa scoperta mettersi nelle sue mani di chef inimitabile.

L’azienda agricola

In questo contesto non dimentichiamo la parte aziendale con le sue produzioni di uva con sette ettari di vigneto e la produzione di olio realizzata grazie a cinque ettari di oliveto; l’olio è denominato “Vale” e prende spunto da Valentina, sua figlia, ma Vale ha anche un doppio significato perché in latino vuol dire stare bene, stare in salute e Giancarlo garantisce che “questo olio fa realmente stare bene”.
Tra le coltivazioni, ricordiamo la presenza dell’innovativa Paulownia, una pianta dura e leggera, praticamente ignifuga e poi ci sono le foraggiere necessarie per l’alimentazione degli animali.
Di tutto ciò Giancarlo Francia è giustamente orgoglioso, ma la sua vera soddisfazione è quando legge negli occhi dei clienti il gradimento e la sorpresa di aver scoperto un luogo unico e indimenticabile, una location dove tutto ha un preciso filo conduttore, compresi i nomi dei vini prodotti dalla Fattoria Le Spighe, nomi che sembrano un invito a degustarli in base alla situazione del momento: Ullalà, Eraora, Giragira, Toccattè, Strullo ed Eccolo. Sembrano espressioni simpatiche e goliardiche, ma sono i vini di qualità prodotti dalla Fattorie Le Spighe, vini che si accostano perfettamente al menù della casa e la new entry di quest’anno si chiama “Apperò”, un trebbiano toscano al cento per cento proveniente da vecchie vigne, un vino che viene voglia di assaggiare soltanto per l’euforia che ispira il nome.
Abbiamo realizzato questo servizio trovando spazio tra i molteplici impegni di Giancarlo che ci ricorda come tutto ciò sia stato reso possibile seguendo la filosofia di un vecchio proverbio toscano che recita così: “chi non arde non incendia”. Giancarlo Francia ha fatto diventare questo proverbio il suo motto e infatti lui sottolinea: “se non hai passione non puoi trasmettere passione”.
Noi possiamo dire che la passione di Giancarlo è contagiosa perché trasmette la voglia di essere suo cliente o meglio suo ospite, e cosa c’è di meglio se non provare per credere?

Info: www.agriturismolespighe.it