Alessandro Pugi, quando sperimentare i vari generi letterari diventa un’arte

Alessandro Pugi, quando sperimentare i vari generi letterari diventa un’arte

158
0
CONDIVIDI

Scrittore poliedrico e curioso, con già otto romanzi (dei generi più diversi) pubblicati in dieci anni, Alessandro Pugi è appena uscito in libreria con “Il sussurro del diavolo” una spy-story dal forte impatto sociologico criminale che si ispira ad alcuni tragici eventi come Ustica, la strage di piazza Fontana, l’uccisione di Falcone e Borsellino e la trattativa Stato-mafia…

****

DI DIANORA TINTI

Alessandro Pugi vive nella splendida Isola d’Elba, ma per molti anni ha lavorato nel carcere di Grosseto come Ispettore capo di polizia penitenziaria. Ora, si dedica alla scrittura a tempo pieno ed i risultati si vedono… Scrive un romanzo dietro l’altro ottenendo successi di critica e pubblico. Scrittore poliedrico e curioso, è uscito recentemente in libreria con “Il sussurro del diavolo”, un romanzo che ha subito ottenuto importanti riconoscimenti.
Per chi lo conosce, quest’ultimo successo non è però una sorpresa. È facile innamorarsi dei suoi romanzi. Narrano di persone come noi: carne, ossa e cuore. Soprattutto cuore. Anche nella vicenda più buia, crudele, fantasiosa o spietatamente reale, non manca mai quel pizzico di sentimento capace di suscitare emozioni e partecipazione totale in chi legge, quasi una commozione estetica. Una dote che difficilmente si acquisisce con il tempo o con la tecnica.
Anche in quest’ultima storia, che si snoda tra Milano, Roma, Madrid e San Paolo del Brasile, l’autore non perde di vista il lato umano e la caratterizzazione dei personaggi, pur nell’ottima costruzione di una spy-story che si ispira ad alcuni tragici eventi come Ustica, la strage di piazza Fontana, l’uccisione di Falcone e Borsellino e la trattativa Stato- mafia. Cosa coraggiosa e non facile, in un momento dove i noir e i gialli tendono sempre più a diventare appetibili sul piano dell’intrattenimento, meno su quello dell’aderenza alla realtà. Tra inseguimenti, false piste e omicidi, il protagonista capirà che niente è come sembra, tutto è sfuggente come il mercurio… ma anche che esiste qualcosa di più terribile e pericolosa persino dei nemici: la verità…

Se vuoi leggere l’intervista ad Alessandro Pugi e il suo profilo bio-bibliografico, li trovi pubblicati sul numero di maggio 2020 di Maremma Magazine (alle pagine 104-105), disponibile in edicola, su abbonamento e in versione digitale. Acquista la tua copia on line! Clicca QUI