La Pierotta: impegno, lavoro, storia, passione, qualità e tanta voglia di futuro…

La Pierotta: impegno, lavoro, storia, passione, qualità e tanta voglia di futuro…

281
0
CONDIVIDI

Situata ai piedi di Monte d’Alma, sul versante nord della Provincia di Grosseto, nel cuore dell’Alta Maremma Toscana a due passi da Scarlino, l’azienda agricola La Pierotta della famiglia Rustici è una bella realtà enologica con oltre 40 anni di esperienza e ancora tanta voglia di futuro…

La suggestiva sala di degustazione adiacente alla barricaia e al punto vendita, lo splendido porticato per le degustazioni estive come una terrazza sui vigneti, fanno de La Pierotta un’azienda completa come completa è anche la gamma dei vini proposti

di Celestino Sellaroli

****

Calore umano, senso della famiglia, attaccamento alle radici, voglia di tradizione, massima attenzione alla qualità, consapevolezza dell’importanza di essere squadra quando si allargano gli orizzonti e si parla di territorio. Sono belle sensazioni quelle che ti arrivano a pelle in occasione dell’incontro con Alberto Rustici titolare con i figli dell’azienda agricola La Pierotta. Sensazioni che trascendono la pura materialità delle cose, per arrivare a toccare corde emotive importanti. Del resto non potrebbe essere diversamente. Dietro un calice di vino ci sono persone e dentro le persone ci sono sentimenti. E se questi sentimenti riesci a trasferirli nel consumatore hai decisamente raggiunto l’obiettivo che è quello di comunicare ciò che si è. E ciò che con impegno, passione, fatica, riesci a produrre.

La Pierotta è situata ai piedi di Monte d’Alma, sul versante Nord della provincia di Grosseto, nel cuore dell’Alta Maremma Toscana. Direttamente coltivata dalla Famiglia Rustici, si estende per circa quindici ettari di terreno, tredici dei quali coltivati a vigneto, con una produzione di circa ottocento ettolitri di vino.
È una storia quella della Pierotta che viene da lontano quando in queste zone si coltivavano prevalentemente cereali. Acquistata dal capostipite della famiglia Rustici, il nonno Aladino nel 1954, La Pierotta ha avuto da sempre una piccola produzione di uva vinificata nella minuscola cantina “sotto casa” come era consuetudine a quei tempi. I 50 quintali di vino allora prodotto erano venduti in damigiane ad altri contadini e spesso barattati con altri generi alimentari. Fu Alberto con la moglie Floriana ad incrementare i vigneti negli anni 70 per le esigenze di mercato crescenti. In quegli anni la famiglia Rustici trovò uno sbocco importante nella zona di Brescia, nella Val Camonica, ove un gruppo di acquisto di privati instaurò con La Pierotta un rapporto di fiducia che resistette e si fortificò dopo i tristi eventi del metanolo. Quando nella zona si assisteva ad estirpazioni diffuse di vigneti, La Pierotta, in contro tendenza impiantava.

È nel 1990 che, con l’aiuto dei figli Roberto e Simone, quest’ultimo appena diplomato in agraria e con una innata passione per la viticoltura, ebbero inizio i primi imbottigliamenti. “In avvio – ricorda proprio Simone – furono appena duemila le bottiglie prodotte, immediatamente acquistate da turisti del nord Europa, che stavano cominciando a scoprire questo angolo di Toscana, così tranquillo e popolato da gente semplice”. Ormai la strada era tracciata e con l’aiuto dell’enologo Paolo Benassi e successivamente Laura Zuddas, iniziarono gli investimenti nella tecnologia in cantina e apparvero le prime barriques. “Ancora più importanti però furono gli investimenti nei vigneti, con l’introduzione sia di alcuni vitigni internazionali che di cloni tradizionali di Sangiovese, messi a dimora con sesti di impianto fino ad allora impensati”.
La nuova cantina è stata edificata nel 2012, adeguata tecnologicamente alle produzioni attuali, funzionale e concretamente produttiva.
La Pierotta è una cantina visitabile aperta tutto l’anno, la sua posizione strategica a pochi chilometri dal mare tra Scarlino e Gavorrano ha fatto sì che la vendita aziendale assumesse una importante fonte di mercato. La suggestiva sala di degustazione adiacente alla barricaia e al punto vendita, lo splendido porticato per le degustazioni estive come una terrazza sui vigneti, fanno de La Pierotta un’azienda completa come completa è anche la gamma dei vini proposti.
Sono tre le etichette prodotte con vitigni tradizionali quali il Sangiovese, Ciliegiolo e Vermentino affiancati a vitigni internazionali come il Sirah, Cabernet Sauvignon e Merlot: un bianco (Monteregio di Massa Marittima Vermentino), un rosato (Monteregio di Massa Marittima Rosato) e quattro rossi (Monteregio di Massa Marittima Selvaneta, Maremma Toscana Ciliegiolo, Monteregio di Massa Marittima Scarilius Sangiovese, Maremma Toscana Terra Solare Sirah).

Si parlava del legame con il territorio. Un legame che qui trova conferma nella scelta di puntare sulle produzioni DOC.
“Nel 1994 – sottolinea ancora Alberto – è stata istituita in questa zona la Denominazione di Origine Controllata Monteregio di Massa Marittima, importante conferma della vocazione alla viticoltura di questo territorio, ulteriormente rafforzata dalla recente DOC Maremma Toscana, strumento attraverso il quale sarà possibile consolidare i mercati esteri. È infatti convinzione profonda della strategia aziendale che è molto difficile emergere se tutta la Maremma non cresce in modo unitario. A poco servono gli sforzi del singolo, seppur importanti in termini economici, se non si afferma un principio di immagine complessiva della Maremma Toscana”. Alla Pierotta hanno da sempre creduto in questa equazione, così semplice e così difficile da applicare in una realtà fatta di grandi individualità.

Oggi alla Pierotta si stanno raccogliendo i primi frutti di tanto lavoro e di scommesse talvolta azzardate, ma se vi capiterà di visitare l’Azienda e vi soffermerete nelle loro sala di degustazione, vi accorgerete come tutta la famiglia, da sempre semplice e accogliente, sa bene che c’è ancora tanto lavoro da fare per raggiungere quei traguardi ambiziosi che si sono posti e che sanno bene essere alla loro portata.

Info: Azienda Agricola La Pierotta di Rustici Alberto – Località La Pierotta, 19 – 58020 Scarlino (GR) – Tel/Fax 0566 37218 – Sito Internet www.lapierotta.it – Mail: info@lapierotta.it

 

I Vini de La Pierotta

È una gamma di vini completa che tiene conto in modo concreto della territorialità e della storia delle sue produzioni quella che si produce a La Pierotta.
Si parte dal Monteregio di Massa Marittima Vermentino dal colore giallo paglierino di buona intensità, profumo intenso e delicato di fiori e frutta fresca; sapido al palato, di buon corpo, notevole freschezza e ottima persistenza.
Quindi si passa al Monteregio di Massa Marittima Rosato dal colore moderno rosa tenute proveniente dal salasso di uve principalmente sangiovese, fresco, dal profumo intenso di rose e ciliege con un palato non completamente secco e molto intenso.
Poi abbiamo il Monteregio di Massa Marittima Selvaneta, Sangiovese 80% con saldo di Merlot e Cabernet Sauvignon. Dal color rubino intenso con riflessi violacei, al naso presenta sentori di ciliegia e frutta rossa, lievi sentori erbacei e spezie; ingresso in bocca pieno e giustamente tannico, equilibrato ed elegante, persistente e fresco.
Tutto da godere, per gli amanti di questo straordinario vitigno, è il Maremma Toscana Ciliegiolo in purezza, dal colore rosso rubino intenso con riflessi violacei, note di frutti rossi e di sottobosco, mediamente tannico e di buona persistenza.
Altra etichetta particolare è pure il Monteregio di Massa Marittima Scarilius, un sangiovese puro con affinamento in botte di cemento per alcuni mesi e successivamente per 18 mesi in barrique di rovere francese a media tostatura il cui colore rosso rubino intenso ha riflessi violacei, profumo concentrato, deciso, di frutti di sottobosco maturi; ingresso in bocca deciso e tannini morbidi al palato con finale molto persistente.
Ciude la gamma il Maremma Toscana Terra Solare, un Sirah in purezza tra i primi realizzati in Maremma, affinato per 18 mesi in barrique di rovere americano e francese a media tostatura con colore rosso rubino intenso e riflessi violacei, originale per le note balsamiche di eucalipto, spezie orientali, zenzero e cannella con in risalto un profumo di tabacco, liquirizia e confettura di arance.

Completano l’offerta il Passito, le Grappe ed una produzione di Olio Extravergine di Oliva di elevata qualità.

ARTICOLO PUBBLICATO NEL NR. DI DICEMBRE 2017 DI MAREMMA MAGAZINE

Leggi il PDF. Clicca qui